Quantcast

Piano regionale violenza di genere, Zanardi: “Provincia non convocata”

“Finché la provincia esiste - afferma - credo che debba considerarsi come una risorsa e non debba essere vanificato il lavoro che, sino ad ora, è stato portato avanti”

Più informazioni su

“Ascoltare anche le Province sul tema della violenza di genere”. E’ quanto auspica Gloria Zanardi, Consigliera Provinciale con delega alle pari opportunità, dopo la mancata convocazione della Provincia di Piacenza ai due incontri in Regione nel corso dei quali è stata analizzata, con gli assessori dei Comuni capoluogo o sedi dei centri antiviolenza e poi con i rappresentanti delle forze sociali, la bozza del “Piano regionale contro la violenza di genere”.

“Il piano – evidenzia Zanardi – sarà lo strumento principale per rafforzare la rete di prevenzione, protezione e sostegno alle donne e per promuovere le pari opportunità”.

“Gli obbiettivi principali che si pone sono sicuramente lodevoli e, tra l’altro, caratterizzano l’azione che porto avanti quotidianamente, a livello provinciale, in qualità di consigliere provinciale delegato alle pari opportunità; a seguito del caotico riordino istituzionale, la Provincia, infatti, ha mantenuto tra le sue funzioni fondamentali la promozione delle “pari opportunità” sul territorio”.

“Inoltre – prosegue -, a livello provinciale, il 25 novembre 2011 (in occasione della giornata internazionale contro la violenza) è stato costituito il “Tavolo Provinciale di confronto contro la violenza alle donne”, che presiedo, di cui fanno parte tutti i soggetti istituzionali, pubblici e privati che si adoperano in prima linea nella prevenzione, sensibilizzazione e contrasto su questo tema (provincia, comuni, centro antiviolenza telefono rosa, ausl, forze dell’ordine, associazioni), allo scopo di rafforzare la rete tra i medesimi e rendere sempre più efficiente le azioni messe in campo”.

“Ciò premesso, senza sminuire le importanti competenze attribuite ai comuni capoluogo, mi auguro che, in futuro, a livello regionale, vengano ascoltate anche le rappresentanze delle province che, sino ad oggi, hanno portato avanti una fondamentale attività di coordinamento e monitoraggio in tema di violenza di genere, soprattutto in vista della costituzione di un osservatorio regionale sul fenomeno”.

“Finché la provincia esiste – conclude – e, ribadisco, questa incertezza sulle sue sorti sta divenendo insopportabile, credo che debba considerarsi come una risorsa e non debba essere vanificato il lavoro che, sino ad ora, è stato portato avanti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.