Quantcast

Zootecnia da latte, Confagricoltura: “Aiuti in arrivo entro il 30 giugno”

“Il regolamento europeo - spiega la nota di Confagricoltura - introduce aiuti eccezionali a carattere temporaneo per gli agricoltori nei settori zootecnici gravemente colpiti dalla crisi di mercato e stabilisce che il pagamento degli aiuti sia effettuato entro il 30 giugno 2016"

Più informazioni su

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha emanato il decreto ministeriale con il quale prevede che la dotazione finanziaria di € 25.017.897,00 assegnata all’Italia in base al Regolamento delegato della Commissione (CE) del 15 ottobre 2015, n. 2015/1853, sia ripartita tra i singoli produttori di latte di vacca che risultano in attività al 31 dicembre 2015 ed individua i criteri di ripartizione.

“Il regolamento europeo – spiega la nota di Confagricoltura Piacenza – introduce aiuti eccezionali a carattere temporaneo per gli agricoltori nei settori zootecnici gravemente colpiti dalla crisi di mercato e stabilisce che il pagamento degli aiuti sia effettuato entro il 30 giugno 2016″.

“Esso prevede altresì che gli Stati membri utilizzino gli importi messi a loro disposizione sulla base di criteri oggettivi e non discriminatori, a condizione che i pagamenti risultanti non provochino distorsioni della concorrenza e che le misure da essi adottate siano volte ad attenuare le conseguenze economiche derivanti dalle perturbazioni del mercato per i produttori nei settori zootecnici”.

Possono accedere all’aiuto i produttori di latte in attività al 31 dicembre 2015, iscritti nell’anagrafe delle aziende agricole registrati nella banca dati del SIAN, che hanno prodotto e commercializzato latte di vacca nella campagna 2014/2015 e che risultano in regola con il pagamento dei prelievi sul latte commercializzato in eccesso.

I fondi riguardano anche coloro che hanno iniziato a produrre dopo il 31 marzo 2015, ma in questo caso la tempistica è differente.

“L’importo unitario dell’aiuto per chilogrammo di latte prodotto viene calcolato dividendo tutto il plafond a disposizione per la somma dei quantitativi ammissibili dai singoli produttori beneficiari – chiarisce Confagricoltura Piacenza -. Tali quantitativi corrispondono alla media mensile delle produzioni. Per i produttori che hanno iniziato la propria attività dopo il 31 marzo 2015 i quantitativi prodotti sono calcolati considerando la produzione commercializzata nel semestre giugno – novembre 2015. Tutti i quantitativi sono calcolati sulla base delle informazioni disponibili nel SIAN alla data del 1° marzo 2016”.

L’aiuto viene erogato dall’AGEA mediante pagamento diretto in favore dei produttori individuati come beneficiari sull’intero territorio nazionale, mediante bonifico sul conto corrente identificato dal codice IBAN di ciascun produttore avente diritto, registrato nel fascicolo aziendale del beneficiario medesimo.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.