A Pasqua il re della tavola è il cioccolato foto

Non c'è Pasqua senza cioccolato, e una piccola trasgressione è ammessa purché sia di ottima qualità. Lo sanno bene Aldo Scaglia e la moglie Grazia della pasticceria Falicetto, tanto che lo hanno incoronato "Re" della tavola. 

Non c’è Pasqua senza cioccolato, e una piccola trasgressione è ammessa purché sia di ottima qualità. Lo sanno bene Aldo Scaglia e la moglie Grazia della pasticceria Falicetto, tanto che lo hanno incoronato “Re” della tavola. Tra le prelibatezze allestite per le festività figura infatti un uovo – re con scettro e corona (sì, per le pari opportunità esiste anche una Regina di cioccolata, ma come come molte donne non ha ancora terminato i preparativi…), tenere pecorelle decorate con cioccolato bianco a simulare la candida pelliccia, carote di cioccolata e dolci papere decorate con lo zucchero. 

“Una piccola trasgressione fa bene alla salute e anche allo spirito – dice Grazia – se fatta con la giusta misura e con prodotti di grande qualità”. 

L’INTERVISTA

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.