Quantcast

Arrestato alla Passerini, nel pc migliaia di foto pedopornografiche

Migliaia di foto pedopornografiche trovate nel pc del sessantenne arrestato ieri nella biblioteca della Passerini Landi Piacenza. L'uomo, originario del Pavese ma di fatto senza fissa dimora, deve rispondere dell'accusa di detenzione di materiale pedopornografico. 

AGGIORNAMENTO 16 marzo – Migliaia di foto pedopornografiche trovate nel pc del sessantenne arrestato ieri all’interno della biblioteca della Passerini Landi Piacenza.

L’uomo, originario del Pavese ma di fatto senza fissa dimora, deve rispondere dell’accusa di detenzione di materiale pedopornografico.

Al momento gli inquirenti stanno verificando se il sessantenne, già con precedenti specifici, abbia provveduto anche a diffondere le immagini, aspetto che potrebbe aggravare la sua posizione. Domani si terrà l’udienza di convalida dell’arresto. 

Sorpreso in biblioteca a visionare materiale pedopornografico. E’ stato fermato dalla polizia un 60enne italiano che si trovava all’interno della Biblioteca Comunale Passerini-Landi in via Carducci a Piacenza.

Un fatto che ha dell’incredibile quello accaduto martedì pomeriggio poco prima delle 17: le forze dell’ordine sono intervenute su segnalazione della stessa biblioteca, dopo che alcuni giovani avevano notato sconcertati l’uomo, tranquillamente seduto, mentre visionava su un computer portatile materiale pedopornografico. 

Gli agenti delle volanti giunti sul posto si sono avvicinati al 60enne cogliendolo sul fatto. E’ stato quindi arrestato e condotto in questura e il suo pc sequestrato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.