Quantcast

Bracconaggio in Po tra Soarza e Polesine, sequestrati pesci e reti

Al termine dei controlli sono stati sequestrati ben 1500 metri di rete da pesca già stese in acqua, un gommone e una gran quantità di pesce, come siluri e carpe. 

Predoni del Po in azione tra Soarza (Piacenza) e Polesine, ma questa volta la nottata di pesca abusiva è stata interrotta dall’intervento degli uomini del Corpo Forestale, con l’aiuto dei carabinieri e dei guardiapesca volontari. Nei guai sono finiti due moldavi residenti a Parma, sanzionati con un importo pari a 300 euro. 

L’operazione, come riporta la Gazzetta di Reggio, è avvenuta nei giorni scorsi, in seguito alla segnalazione di alcune persone sospette tra Soarza (Piacenza) e Polesine. I due, vistisi scoperti, si sono allontanati sulle imbaracazioni in direzione di Polesine, dove però sono stati bloccati dalle forze dell’ordine, che li hanno multati.

Al termine dei controlli sono stati sequestrati ben 1500 metri di rete da pesca già stese in acqua, un gommone e una gran quantità di pesce, come siluri e carpe. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.