Quantcast

Calcio Eccellenza, la Vigor Carpaneto 1922 lancia un altro giovane: Matija Milosevic

Domenica scorsa il difensore di origini montenegrine - classe 1997 - ha fatto l'esordio in prima squadra nel pareggio di Rolo. "Emozione grande, i compagni mi hanno aiutato

Più informazioni su

Era già successo in precedenza con un suo coetaneo, il centrocampista Edoardo Villani. Ora è toccato a lui, con una domenica che rimarrà nei ricordi della carriera. Nel match esterno contro il Rolo, pareggiato 1-1, il difensore Matija Milosevic ha fatto il proprio esordio in Eccellenza con la maglia della Vigor Carpaneto 1922 (Piacenza). La società, dunque, ha lanciato in orbita un altro giovane, sempre classe 1997.

Milosevic è nato a Fiorenzuola, mentre i genitori sono nativi della città montenegrina di Nikšic (la seconda per dimensione). “Ho avviato la pratica burocratica – spiega Matija – per avere anche la cittadinanza italiana, che dovrebbe arrivare presto”, mentre sul versante della carriera calcistica tutto è iniziato a 6 anni all’Us Fiorenzuola. “Sono partito con la Scuola calcio, poi ho fatto tutte le giovanili in maglia rossonera prima di passare a Carpaneto, dove sto disputando la seconda stagione”. In entrambe, per lui spazio nella rosa Juniores, mentre nella scorsa annata agonistica in Promozione era arrivata qualche convocazione e la panchina. Ora in Eccellenza, invece, ha assaggiato il campo, con la gioia del debutto.

E’ successo, come dicevamo, domenica scorsa contro il Rolo. Ad “aiutarlo”, anche la sfortuna che ha deciso di stare vicino alla Vigor in questo periodo, con la “maledizione dei difensori centrali” sottoforma di una sequenza di infortuni che ha colpito la zona nevralgica della retroguardia. La partita in terra reggiana non ha fatto eccezione: al 20′ Lovattini (che aveva provato a stringere i denti per aiutare la causa) ha dovuto alzare bandiera bianca e così il tecnico Andrea Ciceri ha inserito Milosevic.

“Ero emozionato – confessa Matija – sono entrato a freddo visto l’infortunio del mio compagno di squadra. Il mister mi incitava e i compagni in campo, soprattutto Barba e Ruffini, mi hanno aiutato a stare tranquillo”. Quindi spende due parole sulla Vigor Carpaneto 1922. “E’ una bella squadra, siamo stati un po’ sfortunati, pareggiando o perdendo diverse partite nei minuti finali”.

Tifoso juventino, il suo modello di giocatore è Branislav Ivanovic (difensore del Chelsea), mentre nei prossimi mesi Milosevic proverà a vincere un’altra sfida: la maturità di Ragioneria, dove frequenta la classe quinta a Fiorenzuola.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.