Quantcast

Costo dell’acqua, a Piacenza in un anno aumento del 6,4 % 

460 euro: a tanto ammonta il costo annuale dell’acqua in Emilia Romagna, rispetto ai 376 euro di media nazionale, in aumento del 5% rispetto al 2014.  Ma le differenze tra i singoli capoluoghi di provincia sono notevoli: si va dai 523 euro di Ravenna ai 373 di Bologna.

Più informazioni su

Costo dell’acqua ancora in aumento: 376 euro la tariffa media nazionale, in Emilia Romagna 460 euro. Ravenna in testa con 523 euro; a Piacenza solo l’8% di dispersione idrica. – La nota stampa di Cittadinanzattiva

I dati dell’Osservatorio Prezzi e Tariffe 2016 di Cittadinanzattiva

460 euro: a tanto ammonta il costo annuale dell’acqua in Emilia Romagna, rispetto ai 376 euro di media nazionale, in aumento del 5% rispetto al 2014.  Ma le differenze tra i singoli capoluoghi di provincia sono notevoli: si va dai 523 euro di Ravenna ai 373 di Bologna.

Questi i dati dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva che per l’undicesimo anno consecutivo ha analizzato i costi sostenuti dai cittadini per il servizio idrico integrato nel corso del 2015. Le regioni centrali si caratterizzano per tariffe più alte con €511 annuali e un maggior incremento rispetto al 2014 (€468, +9,2%), segue l’area settentrionale (+5,1%) e quindi quella meridionale (+3,2%). A livello regionale, le tariffe più elevate si riscontrano nell’ordine in Toscana, Marche, Umbria, Emilia Romagna e Puglia. Il Dossier è consultabile sul sito www.cittadinanzattiva.it.

Fra i capoluoghi di provincia, le città più care si confermano essere le toscane: Grosseto e Siena con €663 prendono il posto occupato nel 2014 da Firenze, seguono Livorno (€628), Pisa (€621), Carrara (609€). Isernia si conferma come città meno cara (€117, erano 120 nell’anno precedente); segue Milano con i suoi €140 (ed un aumento del 3%).

Sulla dispersione idrica, la regione registra un risultato migliore rispetto alla media nazionale: 26%  rispetto al 33%. Piacenza la più virtuosa con solo l’8% di acqua sprecata, mentre a Parma si arriva al 39%.

 
 

Città Spesa
2015
Spesa
2014
Spesa 2007 Variazione 2014/15 Variazione 2007/15
Ravenna € 523 € 494 € 310 5,9% 68,7%
Forlì € 509 € 477 € 301 6,7% 69,1%
Cesena € 509 € 478 € 301 6,5% 69,1%
Ferrara € 501 € 471 € 320 6,4% 56,6%
Reggio Emilia € 490 € 472 € 328 3,8% 49,4%
Parma € 479 € 449 € 257 6,7% 86,4%
Rimini € 429 € 401 € 274 7,0% 56,6%
Modena € 411 € 397 € 250 3,5% 64,4%
Piacenza € 380 € 357 € 217 6,4% 75,1%
Bologna € 373 € 389 € 280 -4,1% 33,2%
  € 460 € 439 € 284 5,0% 62,2%

Fonte: Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi e tariffe, 2016
 

Comune Dispersione rete 2014 Dispersione rete 2007
Bologna 28% 25%
Ferrara 38% 30%
Forlì 21% 19%
Ravenna 22% 21%
Modena 36% 22%
Parma 39% 32%
Piacenza 8% 14%
Reggio Emilia 18% 22%
Rimini 25% 17%
Media 26% 22%

Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano 2015
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.