Quantcast

Focolaio di morbillo all’ospedale di Fiorenzuola. Ausl: “Letti ridotti”

Alcune settimane fa, in seguito al ricovero di una paziente affetta da macchie cutanee poi diagnosticate come morbillo, si è verificato un focolaio epidemico della malattia che ha interessato anche alcuni professionisti sanitari dell’ospedale della Val d’Arda

Più informazioni su

Focolaio di morbillo coinvolge alcuni operatori sanitari all’ospedale di Fiorenzuola (Piacenza) – La nota stampa dell’Ausl di Piacenza

Le loro condizioni non destano particolari preoccupazioni
 
Alcune settimane fa, in seguito al ricovero di una paziente affetta da macchie cutanee poi diagnosticate come morbillo, si è verificato un focolaio epidemico della malattia che ha interessato anche alcuni professionisti sanitari dell’ospedale della Val d’Arda, le cui condizioni non destano oggi particolari preoccupazioni. Sono state adottate tutte le misure precauzionali per isolare il focolaio e impedire il diffondersi del morbillo.

Si è provveduto a testare tutto il personale in servizio all’ospedale di Fiorenzuola per verificare lo stato immunitario contro il morbillo e la relativa copertura vaccinale. Grazie all’attiva collaborazione dei medici di famiglia sono state effettuate le opportune indagini e valutazioni sui pazienti ricoverati nello stesso periodo in ospedale. Attualmente la situazione è sotto controllo e, pur in assenza di ulteriori casi, permane uno stato di attiva vigilanza.

In via precauzionale, si è ritenuto opportuno ridurre temporaneamente la recettività dell’ospedale di Fiorenzuola, di un numero limitato di posti letto, compensando le eventuali necessità di ricovero con un’adeguata disponibilità di posti letto in ambito aziendale.

Com’è noto, il morbillo è una malattia diffusa in tutti i Paesi e altamente contagiosa, causata da un virus e trasmesso principalmente da persona a persona per mezzo di goccioline respiratorie. Può essere anche diffuso per via aerea sotto forma di nuclei di goccioline di saliva emesse con il respiro. Inizialmente vi è un’infezione localizzata alle prime vie aeree e alla congiuntiva. Il periodo d’incubazione è di circa tra l’esposizione al virus e l’inizio dei sintomi, costituiti da febbre, malessere, congiuntivite, rinite e tosse.  

Le prime macchie appaiono sulla mucosa della bocca, anticipando di 1-2 giorni la comparsa delle macchie sulla pelle; queste si diffondono tipicamente dalla testa ai piedi in un periodo di 3-4 giorni. Nei successivi 3-4 giorni le macchie scompaiono gradualmente. Il morbillo è più contagioso durante la fase di incubazione e resta tale fino a 4/5 giorni dopo la comparsa dell’eruzione cutanea. La malattia si manifesta in modo più intenso e aggressivo negli adulti.

Non esiste un trattamento specifico per il morbillo; è indicata solo una terapia di supporto con idratazione e antipiretici e l’adozione di misure precauzionali per evitare la diffusione del contagio (per esempio, l’isolamento respiratorio e il lavaggio delle mani).
La vaccinazione antimorbillo è tra la vaccinazioni raccomandate e viene effettuata gratuitamente per i bambini. La vaccinazione è possibile anche per gli adulti, che possono rivolgersi agli ambulatori territoriali della Sanità pubblica per le opportune informazioni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.