Quantcast

Guida il camper ubriaco e senza patente, fermato dalla Municipale

Senza patente e con un tasso alcolemico quasi cinque volte oltre il limite consentito, riscontrato con una serie di infrazioni rilevanti che sono costate la denuncia all'Autorità Giudiziaria per un uomo di settantasei anni, residente a Bolzan

Più informazioni su

Alla guida del camper ubriaco e senza patente, fermato dalla Municipale di Piacenza che sequestra altre due auto per violazioni varie – La nota stampa 
 
Senza patente e con un tasso alcolemico quasi cinque volte oltre il limite consentito, riscontrato con una serie di infrazioni rilevanti che sono costate la denuncia all’Autorità Giudiziaria per un uomo di settantasei anni, residente a Bolzano, alla guida di un camper. A fermarlo, la pattuglia della Sezione territoriale della Polizia Municipale di Piacenza, che gli ha intimato l’alt nel pomeriggio di mercoledì 16 marzo, durante un posto di controllo in via Borghetto.

Alla richiesta dei documenti per gli accertamenti del caso, l’uomo ha evidenziato immediatamente i classici sintomi dovuti all’abuso di sostanze alcoliche: di qui la decisione degli agenti di sottoporlo a pretest e successivamente, visto l’esito positivo, alla verifica mediante etilometro presso il Comando di via Rogerio.

Non solo ne è risultato il tasso alcolemico quasi cinque volte superiore rispetto a quello consentito ma, nel procedere a ulteriori indagini, gli agenti hanno scoperto che  il conducente si era posto alla guida del mezzo senza avere la patente di guida, ritiratagli alcuni anni fa. Nei confronti dell’uomo è quindi scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebbrezza e la sanzione ai sensi dell’articolo 116 del Codice della Strada pari a cinquemila euro. Il camper, di sua  proprietà, è stato sequestrato ai fini del fermo e della confisca.

Sempre durante i posti di controllo da parte della sezione territoriale della Polizia Municipale sono stati multati nei giorni scorsi i conducenti di altri due veicoli, rispettivamente una Fiat Punto in stradone Farnese e una Mercedes Classe A in via Benedettine.

Nel primo caso, gli agenti hanno notato che la Fiat Punto esibiva targhe ungheresi di prova: dagli accertamenti eseguiti attraverso il numero di telaio, risultava che il veicolo era stato radiato in Italia nel 2014 per motivi legati alla sua esportazione, ma non era mai stato immatricolato in Ungheria. Alla conducente, una donna di origini ungheresi di circa 45 anni, residente in provincia di Piacenza, sono stati contestati gli articoli 93 e 193 del Codice della Strada per mancato rispetto della normativa che regola la circolazione dei veicoli e perché risultava non assicurata. L’auto è stata sequestrata per la confisca.

Nel corso di un controllo in via Benedettine è stata invece fermata la conducente di una Mercedes con targa della Romania, sebbene dagli accertamenti eseguiti attraverso la centrale operativa della Polizia Municipale risultasse che il veicolo non era mai stato cancellato dal pubblico registro automobilistico italiano. Inoltre, la Mercedes risultava tra i 393 mezzi oggetto di un provvedimento di sequestro finalizzato alla confisca, disposto dal tribunale di Torino. Da ulteriori accertamenti, a carico della stessa auto risultavano sei ingressi abusivi in Ztl, contestati alla conducente e pagati in forma immediata  ai sensi dell’art. 207 del Codice della Strada.

Il veicolo è stato sottoposto a fermo e alla conducente contestati altri verbali per le omesse comunicazioni relative alla definitiva esportazione del mezzo.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.