Quantcast

“Omicidio stradale, una follia contro il buonsenso”

Pubblichiamo l'intervento di Sandro Chiaravalloti, Segretario Generale provinciale SIAP, sull'approvazione del disegno di legge che introduce il reato di omicidio stradale

Pubblichiamo l’intervento di Sandro Chiaravalloti, Segretario Generale provinciale SIAP, sull’approvazione del disegno di legge che introduce il reato di omicidio stradale.

Omicidio stradale, Bergonzi (Pd): “Finalmente legge, ora la giornata in memoria delle vittime”

LA LETTERA – Caro Direttore,
Con la felicità di alcuni è stato introdotto il nuovo reato di omicidio stradale e lesioni personali stradali. Una volta, ricordo perfettamente, quando si fermavano alcuni automobilisti, nella patente erano presenti anche cinque timbri per sospensione della stessa e questo, come ho sempre dichiarato, era davvero assurdo.

Con il tempo, le cose sono cambiate e si inasprivano le pene, ma anche in questo caso, taluni automobilisti, soprattutto facoltosi, pagano serenamente e tutto si risolveva. Successivamente si introduceva la patente a punti ecc. ecc. .

Sino ad oggi, che con questa approvazione dell’omicidio stradale, si sono inasprite tutte le pene sino al punto che, se uno di noi, mentre fa anche un semplice manovra in un parcheggio e investe una persona anziana, alla quale gli si rompe il femore, atteso che la prognosi sarà certamente superiore ai quaranta giorni, in quanto in certi casi il parametro è questo, la patente verrà sospesa per cinque anni.

Vero è, e ne sono convinto, che bisognava fare qualcosa per chi in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti uccide qualcuno, vero è che bisognava fare qualcosa contro i pirati della strada, ma ho l’impressione che l’inasprimento ottenuto sia una vera follia in quanto ognuno di noi, e le statistiche e le fatalità sono chiare a tutti, per una semplice distrazione o errore – non siamo robot , ognuno di noi qualche volta ha sbagliato involontariamente – , viene considerato un eventuale omicida già da quando mette in moto la propria autovettura.

Forse, per questi comportamenti, per evitare quanto più possibile errori umani, era meglio indire nuovi corsi di guida, nuove segnaletiche stradali e più efficienti, strade più sicure, auto con limitatori di velocità, convalida della patente con parametri più efficienti, ma evidentemente tutto questo costa e allora la cosa più facile per evitare gli errori umani non è quella di fare in modo che si evitino quanto più possibile, ma punire con esagerazione con proclami populistici e buoni alla politica fregandosene, ancora una volta, del Popolo.

Del resto, chi vota queste cose, spesso ha il beneficio del l’autista, dell’auto blu, e soprattutto per mantenere questo ha bisogno di consenso elettorale.

Guidare costa, costa mantenere l’auto, costa usare l’auto, ora costa anche dove secondo principi giuridici, a mio parere, la follia ha prevalso contro il buon senso in quanto lo Stato, che dovrebbe i offrire un servizio, oltre alle pessime condizioni lavorative delle forze di Polizia, dovrebbe fare in modo che l’errore umano, che non si può  affatto azzerare, fosse il più possibile evitarlo e non semplicemente punito; con le strade e segnaletiche oggi presenti, a questo punto, il reato di omicidio stradale dovrebbe essere applicato anche allo Stato stesso inadempiente. E a Piacenza, la Statale 45 ne è un esempio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.