“Bancari cinesi, abiti su misura e cravatte di buon gusto” Il viaggio di Sforza in Cina

E' rientrato a Piacenza pochi giorni fa Corrado Sforza Fogliani da una visita in Cina. In qualità di presidente nazionale di Assopopolari, l'associazione nazionale delle banche popolari, Sforza ha compiuto una serie di incontri

E’ rientrato a Piacenza pochi giorni fa Corrado Sforza Fogliani da una visita in Cina. In qualità di presidente nazionale di Assopopolari, l’associazione nazionale delle banche popolari, Sforza ha compiuto una serie di incontri con i rappresentanti del variegato mondo bancario di quel gigantesco paese. Il suo resoconto non si limita tuttavia ad una disamina sul mondo del credito cinese, ma ci fornisce un quadro interessante della società e delle sue trasformazioni.    

“Pechino è oggi un’altra New York. Ma in meglio, con grattacieli, più moderni – spiega l’avvocato Sforza Fogliani – che sono opere d’arte. I ciclornotori sono tutti elettrici, ma lo smog (prodotto per la gran parte dalle industrie di stato costruite, anche relativamente poco tempo fa, alle porte della capitale) supera spesso di sei volte il limite consentito d’attenzione in Europa.

Appena fuori dall’aeroporto, per non sbagliare, chi ti accoglie ti consegna subito una mascherina. E’ comunque un Paese entusiasta. Che si cura poco della politica, ma crede nel proprio futuro, avendo — perlomeno nelle città — un buon tenore di vita (chi ha visitato la Cina 30-40 anni fa, non crede ai propri occhi).

Nello stesso tempo, però, molti – se possono – vengono in Europa, affascinati dai nostro umanesimo. S’infittiscono, addirittura, i corsi per imparare il latino, i professori italiani sono ricercati e ammirati; ma insegnano latino anche statunitensi, austriaci e belgi.

Nello stesso tempo, i dirigenti (specie delle banche) sono perfetti occidentali, abiti su misura e cravatte di buon gusto. Tutti presentano, anzitutto, il loro bigliettino da visita, porgendolo rigorosamente con due mani”.

Nella “città proibita” (al posto della corte imperiale e, più recentemente, della moglie di Mao Tse Tung) sciamano frotte di turisti provenienti da ogni parte della Cina, ma anche — in buon numero — stranieri, che nella via dello shopping acquistano preziosi (e deliziosi) ciondoli certificati come parte di antichi vasi di ceramica recuperati già rotti o rottisi nel recupero. Il futuro, intanto, è in crescita: nel nuovo Piano quinquennale il Pil è stimato in aumento del 6 per cento all’anno”.

Il mondo delle banche in Cina

“Come Assopopolari abbiamo appurato – racconta Sforza Fogliani – che sono presenti quattro principali categorie di banca: le banche di proprietà interamente statale; le banche commerciali, prima statali e poi trasformate ín società per azioni (dove comunque il governo centrale è il principale stakeholder); le banche locali, con principali azionisti le amministrazioni provinciali e comunali; infine le banche commerciali, istituite dopo la riforma bancaria e nella quale ia presenza pubblica è minore.

Fra le banche locali sono attualmente comprese le banche rurali cooperative e le cooperative rurali dí credito; per esse, è in atto un ampio processo di radicale trasformazione”.

“Nel settembre 2010, la CBRC (China Banking Regulatory Commission) ha annunciato – ricorda -che le banche nazionali avrebbero potuto acquistare il 100% delle cooperative di credito rurale esistenti. e gli investitori privati e stranieri fino al 20%. Alla fine del 2010, risultavano presenti 223 banche cooperative rurali e 2.646 cooperative di credito rurale.

Tali realtà bancarie forniscono servizi solo per la popolazione rurale. Le Cooperative di Credito Rurale sono istituti tra loro indipendenti, in cui tutti i soci possono comprare azioni (tuttavia, generalmente ciò avviene sotto il controllo delle amministrazioni locali).

Nel settore, vivissimo interesse per il sistema delle Popolari straniere. Le sole banche rurali avevano in portafoglio (fino a poco tempo fa) attività per un totale di 1.300 miliardi di euro e ciò rappresentando l’11,2% delle attività bancarie complessive del Paese e svolgendo un ruolo importante per la crescita e lo sviluppo delle zone rurali. Anche nel settore bancario, insomma, grandi trasformazioni. Al passo coi tempi (della Cina)”. 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.