Quantcast

Esce dal carcere dopo la violenza sessuale, i parenti pagano il rimpatrio

Scontata la pena per violenza sessuale, i famigliari pagano per rimpatriarlo. E' quanto accaduto ad un 22enne di origine ivoriano, detenuto fino a pochi giorni fa nel carcere delle Novate di Piacenza

Più informazioni su

Scontata la pena per violenza sessuale, i famigliari pagano per rimpatriarlo. E’ quanto accaduto ad un 22enne di origine ivoriano, detenuto fino a pochi giorni fa nel carcere delle Novate di Piacenza.

Il ragazzo aveva scontato una pena di 3 anni e 8 mesi di reclusione a seguito di una condanna per violenza sessuale ai danni di una studentessa minorenne. Il fatto era accaduto a Parma: lo straniero aveva seguito la ragazza scesa da un bus per poi aggredirla in pieno giorno.

Il 22enne era privo di documenti: il lavoro del personale dell’Ufficio Immigrazione della questura di Piacenza ha permesso di rintracciare alcuni parenti, che hanno da subito collaborato con la polizia fornendo il certificato di nascita del giovane, grazie al quale è stato possibile ottenere un lasciapassare per il ritorno nel paese di origine.

I famigliari si sono fatti carico delle spese per il rimpatrio: il ragazzo si è così imbarcato all’aeroporto di Malpensa. Non potrà rientrare in Italia per i prossimi sette anni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.