Quantcast

I complimenti di una lettrice “Una stagione lirica da incorniciare”

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di elogi alla direzione della Fondazione Teatri per la stagione lirica proposta al teatro Municipale di Piacenza. La scrive una spettatrice che risiede nel Pavese, Patrizia Zamboni. Dopo tante lamentale e segnalazioni di disservizi, fa piacere anche anoi poter dare spazio a chi, meritatamente, elogia uno dei gioielli della nostra città! 

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di elogi alla direzione della Fondazione Teatri per la stagione lirica proposta al teatro Municipale di Piacenza.

La scrive una spettatrice che risiede nel Pavese, Patrizia Zamboni. Dopo tante lamentale e segnalazioni di disservizi, fa piacere anche anoi poter dare spazio a chi, meritatamente, elogia uno dei gioielli della nostra città! 

LA LETTERA – Quando si aprì il primo sipario della stagione il pubblico si trovò a guardare ammirato un fermo immagine che sembrava uscito da un quadro di Manet racchiuso in una cornice …

Fu di buon auspicio in quanto la stagione 2015/2016 del Teatro Municipale di Piacenza è sicuramente da incorniciare!!!

A conferma di quanto scrivo parlano  i fatti, non le parole: sei titoli che hanno ottenuto il pieno successo della critica e di gradimento del pubblico, tre opere sold out e tre..quasi esaurite.

Questa in sintesi è la collana di camei che il teatro ha infilato con la stagione lirica: L’amico Fritz, Nabucco, Il Turco in Italia, Lucia di Lammermoor, Macbeth, Madama Butterfly, uno più emozionante dell’altro!

Ma c’è da ricordare che anche la stagione sinfonica e quella di Danza stanno hanno ottenendo pari allori. Ho letto ultimamente che il direttore artistico Cristina Ferrari è stata contattata da teatri definiti di maggior prestigio: visto le cifre, l’apprezzamento del pubblico,l’alta qualità degli spettacoli proposti, la professionalità delle maestranze tutte, credo di poter affermare tranquillamente che nessun teatro al mondo sia più prestigioso del Municipale di Piacenza!

E la cosa interessate e di maggior merito è che accanto a nomi famosi, vere stelle del panorama lirico internazionale,  il teatro ha lanciato tanti giovani talenti che hanno contribuito con la loro voglia di mettersi in gioco, serietà  e professionalità al successo totale della stagione.

Il Teatro Municipale è una perla rara anche a livello gestionale: di questo bisogna dare il merito al direttore Angela Longieri che ha saputo chiudere il bilancio non in rosso, come la gran parte degli Enti lirici  in Italia e all’estero.

E questo risultato è stato raggiunto nonostante le scarse sovvenzioni statali  e … pagando regolarmente gli artisti ospiti e gli stipendi alle maestranze.

Sembra una affermazione ovvia, ma vi assicuro che tanti teatri, sulla carta  più prestigiosi, fanno passare anche un anno prima di pagare gli artisti. Ma anche i cantanti mangiano giornalmente come noi, comuni mortali…

Merito al merito ed un grazie da parte di chi, come me, ama l’Opera e gradisce assistere a spettacoli di qualità.

Un grande artista mi ha confidato che l’opera lirica vive e vivrà se sarà capace di emozionare: sicuramente a Piacenza avrò vita lunghissima poiché l’emozioni non sono mancate fin’ora e ,sono sicura ,continueranno negli anni a venire!

Patrizia Zamboni 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.