Quantcast

Lpr non si ferma, batte Padova e vola alla final four di Challenge

Lpr non si ferma più: dopo una disastrosa regular season, la squadra di Giuliani supera ancora Padova (quarto successo consecutivi dopo quelli nel girone di qualificazione e in gara 1) e centra la qualificazione alla final four dei Play Off Challenge

Più informazioni su

LPR VOLLEY PIACENZA – TONAZZO PADOVA 3-0
(25-15; 25-20; 25-21)

LPR Volley Piacenza: Coscione 1, Kohut 8, Ter Horst 18, Perrin 12, Papi (L), Sedlacek 2, Luburic 7, Tencati 8, 1, Cottarelli. Non entrati Patriarca, Zlatanov Tavares. All. Giuliani.

Tonazzo Padova: Leoni, Orduna 2, Giannotti 6, Balaso (L), Bassanello, Quiroga 6, Volpato 1, Averill 4, Berger 8, Milan 6, Diamantini 5. N.E. Cook, Lazzaretto. All. Baldovin.
Arbitri:Bartolini-Satanassi

MVP: Gordon Perrin

Piacenza – Davanti al pubblico di casa Piacenza conquista Gara 2 che gli vale l’accesso alla Final Four per il posto nella prossima stagione in Europa. Per conoscere la prossima avversaria dei biancorossi bisognerà ora attendere la fine della serie tra Molfetta e Monza.

La squadra di mister Giuliani supera con scioltezza Padova con un secco 3-0 e con una prestazione corale davvero buona. Si ripete Thijs Ter Horst autore di 18 punti e con percentuali in attacco più che positive, bene anche il muro dei biancorossi che mette a segno 13 punti.

La Tonazzo chiude così la sua stagione non disputando certo la sua migliore prestazione commettendo qualche errore di troppo.

Nel primo set Piacenza conduce dall’inizio alla fine e chiude con uno scarto di 10 punti; il secondo risulta più equilibrato ma gli attacchi di Perrin e Ter Horst risultano decisivi; nel terzo Piacenza  ancora grazie ai suoi martelli riesce a guadagnare un vantaggio importante e ad aggiudicarsi la partita.

Mister Giuliani schiera Coscione al palleggio, Luburic opposto, Kohut e Tencati centrali, Ter Horst e Perrin di banda e Papi libero. Baldovin risponde con la diagonale formata da Orduna e Milan, Averill e Diamantini al centro, Quiroga e Berger in posto 4 e Balaso libero.

Parte forte la LPR Volley nel primo parziale: Kohut e un muro di Luburic portano i biancorossi a +2 (3-1) e l’ace di Ter Horst vale l’8-3. Al time out tecnico Piacenza è avanti sempre di 5 (12-7) e trascinata dal suo olandese allunga ancora grazie ad un altro ace (17-10). Il muro dei padroni di casa funziona bene e grazie alla coppia Luburic-Tencati il distacco sale a 10 (23-14). L’errore in battuta di Milan chiude il set 25-15.

Il secondo parziale è più equilibrato: Padova parte meglio e passa avanti (2-4) e arriva al tie break sul 9-12 con un ace di Diamantini. Al ritorno in campo Piacenza mette a segno 3 punti importanti che portano il risultato in parità (12-12) e con un gran muro di Coscione passa avanti (14-13).  

I padroni di casa provano a scappare trascinati sempre da Ter Horst che mette a terra palloni decisivi (20-17). È Perrin a chiudere il parziale in favore della LPR Volley (25-20).

 Terzo set che si apre con gli ospiti che vanno subito sullo 0-2 ma ancora Ter Horst mette a segno due attacchi che riportano i piacentini in parità (2-2). Complice un buon turno in battuta di Tencati, Piacenza allunga il distacco a +5 (7-2) e va al time out tecnico sul 12-7.

La LPR Volley non sbaglia un colpo e anche Papi si esalta in difesa con due grandissimi recuperi; chiude il match un muro di Sedlacek che porta Piacenza alla Final Four per il 5°posto (25-21).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.