Quantcast

Pallanuoto, Everest imbattuta. Anche Crema ko (12-17)

Il settebello piacentino colpisce ancora: nemmeno il Crema riesce a bloccare l’imbattibilità dell’Everest, che conquista altri tre punti in chiave qualificazione alla Final Fuor in programma il prossimo 29 Maggio

Più informazioni su

CAMPIONATO DI PROMOZIONE
PALLANUOTO CREMA – EVEREST PIACENZA PALLANUOTO 12 – 17  (4-4) (2-6) (3-3) (3-4)

 
Crema: Pini, Radaelli, Comassi 5, Mac Donald, Marchesi, Madonnini 1,  Bianchi, Ferrari, Bassanini 1, Vicentini, Furini 5, Bocca, Asti.  All. Parietti
Piacenza: Azzimonti, Asti, Covati, Falcone 2, Martini 1, Bianchi, Merlo 3, Fanzini 1, Cighetti 6, Binelli, Felissari 4, Bacchi, Lamoure. All. Harry Van der Meer.
 
Sup Num : Crema 4/9  Piacenza 4/8
Rigori: Crema 1/1 Piacenza 1/1
Arbitro: Allodi

Il settebello piacentino colpisce ancora: nemmeno il Crema riesce a bloccare l’imbattibilità dell’Everest, che conquista altri tre punti in chiave qualificazione alla Final Fuor in programma il prossimo 29 Maggio.

Gli atleti allenati da Parietti sono consapevoli di affrontare la migliore squadra del torneo e la loro prova non è da sottovalutare, soprattutto nei primi sette minuti quando raggiungono sempre il pareggio dopo ogni gol subito.

La squadra di Van Der Meer batte quattro volte il portiere avversario, grazie a Cighetti in superiorità numerica, Martini e Falcone con conclusioni da lontano, e Fanzini in rovesciata: non è sufficiente, però, per chiudere in vantaggio il primo parziale, che termina 4 a 4.

Dal secondo tempo si rivede la solita Everest, che segna sei reti ad opera ancora di Cighetti e Felissari e ne subisce soltanto due: si inizia il terzo tempo con i piacentini sopra di quattro gol di scarto.

Rimane invariato il margine di vantaggio degli ospiti fino all’inizio dell’ultima frazione: alla doppietta di Felissari e la rete di Merlo rispondono Comassi due volte e l’ex piacentino Furini per un punteggio parziale di 3 a 3.

Nell’ultimo tempo ci pensano Merlo in superiorità numerica e Falcone in controfuga a chiudere la partita: i padroni di casa provano a reagire con la doppietta di Furini e la rete di Comassi, ma è troppo tardi per sperare in una rimonta.

Incontro spettacolare in tutti i sensi, con l’Everest che ancora una volta si dimostra padrone del campionato e il Crema che, comunque, esce a testa alta. 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.