Quantcast

Polizia Provinciale, più controlli sulle strade: sanzioni quasi raddoppiate

Un anno di intenso lavoro per la Polizia Provinciale di Piacenza, con controlli e multe in aumento: in particolare sono cresciuti i presidi sulle strade. A tracciare un bilancio il presidente dell'amministrazione provinciale Francesco Rolleri con il comandante Anna Olati nella sala giunta di Palazzo Garibaldi.

Più informazioni su

Un anno di intenso lavoro per la Polizia Provinciale di Piacenza, con controlli e multe in aumento: in particolare sono cresciuti i presidi sulle strade. A tracciare un bilancio il presidente dell’amministrazione provinciale Francesco Rolleri con il comandante Anna Olati nella sala giunta di Palazzo Garibaldi. 

“La Polizia Provinciale, come tutta l’amministrazione provinciale – ha ricordato Rolleri – è stata sottoposta a profonde modifiche e sembrava che anche questo corpo dovesse essere smembrato. Per noi sarebbe stato un grandissimo errore, abbiamo professionalità maturate che si sarebbero perse. Abbiamo lottato perché restasse intatto e di fatto siamo riusciti a mantenere che resti sul territorio. Nel corso dell’anno scorso i due obiettivi principali che erano stati affidati: controllo ambientale e sicurezza sulle strade raggiunti”.

Il comandante Anna Olati ha fornito alcuni numeri significativi: “Nel 2015 le unità sono 18, di cui 2 part time. I chilometri percorsi sono stati 166mila, abbiamo coordinato 474 guardie volontarie (la Regione ha confermato questa competenza), sono state svolte 21mila 135 ore di lavoro, sono 7860 i controlli effettuati (contro 7188 nel 2014), 2089 i verbali elevati soprattutto nei settori previsti. Nello scorso anno i verbali erano stati 1299, quindi abbiamo registrato un aumento del 61%, mentre l’introito previsto cresce dell’84 per cento. Molto potenziato il controllo sulle strade: le sanzioni sono passate da 923 nel 2014 a 1693 nel 2015”. 

I dettagli dell’attività di polizia amministrativa sono stati presentati da Luigi Rabuffi. “Siamo riusciti, dice Rabuffi, a dare un controllo del territorio davvero straordinario nonostante le risorse umane contenute. Alle multe comminate nel 2015, vanno aggiunti altri 95 mila euro di sanzioni elevate nel 2014 e non ancora pagate, per ottenere il pagamento sono state avviate le procedure di riscossione”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.