Quantcast

Scambio di materiale pedopornografico, nella rete anche un piacentino

La polizia postale di Piacenza nei giorni scorsi ha perquisito l'abitazione dell'uomo, un 45enne residente in provincia e sequestrato foto e video pedopornografici. L'indagine internazionale si è svolta anche in base a informazioni ottenute dall'Fbi.

Più informazioni su

C’è anche un piacentino nella rete italiana di scambio di materiale pedopornografico, individuata dalla polizia postale e delle comunicazioni di Roma. Il comparto di Piacenza della polizia postale, delegato dalla Procura di Genova, nei giorni scorsi ha perquisito l’abitazione dell’uomo, un 45enne residente nella nostra provincia e sequestrato foto e video pedopornografiche. 

Come sottolineato dall’Ansa, divulgata oggi, martedì 12 aprile, dodici persone, cittadini italiani delle province di Milano, Como, Torino, Padova, Verona, Brescia, Palermo, Piacenza, Campobasso e Cagliari, sono state denunciate. La rete è stata scoperta al termine di un’operazione internazionale di contrasto alla pornografia minorile online coordinata dalla polizia. L’indagine si è svolta anche in base a informazioni ottenute dall’Fbi.

Grazie a loro è stata individuata una casella di posta elettronica che faceva capo ad un giovane genovese, utilizzatore di un account che aveva chiamato “cucciol@”. L’età delle persone coinvolte, fra cui ci sono professionisti, studenti ed operai, va dai 20 ai 70 anni.

Nelle case degli indagati sequestrato numeroso materiale pedopornografico, computer e smartphone. Scoperte anche chat erotiche fra minori, create dagli indagati sotto falso nome spacciandosi per coetanei.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.