Quantcast

Scuola, l’Ottavo Circolo accoglie sei docenti dalla Bulgaria

L'interazione culturale rientra nel progetto Erasmus Plus KA1 "Open roads to Europe" che prevede formazione e scambi di buone pratiche per migliorare la professionalità dei docenti ed avviare percorsi innovativi nell'ottica della collaborazione internazionale

Più informazioni su

Dal 4  al 9 Aprile l’Ottavo Circolo di Piacenza accoglie sei docenti provenienti dalla scuola Geo Milev di Varna,, Bulgaria.

L’interazione culturale rientra nel progetto Erasmus Plus KA1 “Open roads to Europe” che prevede formazione e scambi di buone pratiche per migliorare la professionalità dei docenti ed avviare percorsi innovativi nell’ottica della collaborazione internazionale.

Le insegnanti bulgare sono state ufficialmente accolte nella mattinata di martedi alla scuola Don Minzoni, con canti e danze di benvenuto degli alunni di prima e seconda.

Hanno poi assistito ad attività di Storia in lingua Inglese (CLIL), ad un laboratorio di archeologia sperimentale, ed alle prove del coro del Circolo. 

Il programma di job shadowing (osservazione dell’insegnamento) prevede attività e laboratori musicali, di geografia sul campo, con l’esplorazione del quartiere da parte di una classe, accompagnata da agenti della Polizia Municipale, e l’emissione di eventuali “Multe morali”; matematica in palestra, un laboratorio di coding e robotica, attività di integrazione di alunni con bisogni speciali.

Giovedì i docenti verranno accolti alla scuola Carella, dove osserveranno un cooking lab e, nel pomeriggio, un laboratorio di Arte presso la Basilica di Santa Maria di Campagna. Seguirà un’escursione al borgo di Grazzano Visconti.

Venerdi sarà dedicato al confronto e alla  valutazione del percorso proposto. La visità ai Musei di Palazzo Farnese concluderà il viaggio nella nostra città, iniziato lunedi scorso sotto la guida delle sei docenti che hanno a loro volta trascorso una settimana presso la scuola Geo Milev, dal 20 al 25 Aprile. I docenti piacentini e bulgari effettueranno una gita a Firenze nella giornata di sabato.

Un’opportunità di forte crescita professionale ed umana per entrambe le scuole, che già lo scorso anno avevano interagito attraverso un progetto eTwinning di gemellaggio internazionale, rinsaldata dalla condivisione di esperienze educative e innovazione metodologica, con il coinvolgimento degli alunni e delle comunità scolastiche.

Culture diverse ma valori comuni: aprire le menti al dialogo e alla collaborazione, educando al rispetto e alla comprensione reciproca.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.