Le Rubriche di PiacenzaSera - Cooperazione

Un Caffè con Daniele Ronda al centro socio riabilitativo il “Faro Rosso”

Il musicista Ronda durante l'incontro, si è raccontato con molta semplicità: ha parlato di sé e di come nascono le sue canzoni, in particolar modo del rapporto di "amore" e "odio" che ha con la città di Piacenza, sua grande fonte d'ispirazione.

Più informazioni su

Un Caffè con….Daniele Ronda, cantautore, molto conosciuto nel panorama musicale piacentino e non solo, è stato protagonista di una simpatica chiacchierata con le persone frequentanti il “Faro Rosso” – Centro Socio Riabilitativo del Comune di Piacenza gestito dalla Cooperativa sociale Coopselios.

Il musicista Ronda durante l’incontro, si è raccontato con molta semplicità: ha parlato di sé e di come nascono le sue canzoni, in particolar modo del rapporto di “amore” e “odio” che ha con la città di Piacenza, sua grande fonte d’ispirazione.

Ha parlato delle collaborazioni che ha avuto con grandi artisti italiani quali Nek, Davide Van de Sfroos, Mietta, ma anche musicisti stranieri e del fatto che nella sua carriera ha variato molti generi musicali in quanto è fermamente convinto che la musica sia un’importante veicolo di comunicazione universale.

Ronda ha dialogato con gli ospiti del Faro Rosso, rispondendo a tutta una serie di domande, preparate in precedenza e ben documentate che hanno spaziato dalla musica, alla politica, agli amori tormentati, ma anche al suo interesse per il mondo dell’associazionismo e del volontariato, un aspetto questo molto sentito dal musicista, perchè dice che “ciascuno di noi ha più o meno evidenti delle paure e delle difficoltà che possono rendergli complicata l’esistenza” e che la conoscenza di alcune realtà problematiche lo hanno toccato in modo particolare.
 
Il musicista al momento del congedo si è congratulato per il grado di conoscenza dimostrato nel preparare l’intervista e per l’accoglienza ricevuta ed ha invitato tutti i presenti a partecipare alla prima data di apertura del suo tour che sarà il 15 aprile al Teatro Municipale di Piacenza.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.