Quantcast

Finisce in Gara 4 il sogno Nordmeccanica, scudetto a Conegliano foto

Finisce in Gara 4 il sogno scudetto della Nordmeccanica Piacenza. Conegliano si impone al PalaVerde e può festeggiare davanti ai propri sostenitori lo storico tricolore

Più informazioni su

Dopo tre anni il PalaVerde torna a celebrare uno Scudetto. Ma se nel 2013 l’Imoco Volley Conegliano restò a guardare la Nordmeccanica Piacenza che si cuciva al petto il tricolore per la prima volta nella sua storia, oggi il tripudio è tutto gialloblù. Le pantere di Davide Mazzanti vincono 3-0 Gara-4 di Finale contro le biancoblù di Marco Gaspari e festeggiano il titolo chiudendo la serie per 3-1.

E’ il primo titolo nella giovane storia dell’Imoco Volley Conegliano, che prima di oggi vantava la Finale Scudetto del 2012-13 e la finale di Supercoppa dell’autunno 2013, perse entrambe per mano proprio di Piacenza. Le pantere si appuntano il tricolore sulla maglia dopo quattro stagioni vissute da protagoniste, con appunto una finale e due semifinali Scudetto.

Società ambiziosa, sin dalla nascita nel marzo 2012, appena due mesi dopo il fallimento della Spes. Che ha bruciato le tappe, presentandosi un anno dopo in Finale Scudetto e pochi mesi più avanti in Champions League. Che ha trovato casa al PalaVerde, riportandovi l’incredibile entusiasmo dei tempi Sisley. Che regala al Veneto il primo titolo tricolore in 71 anni.

Secondo Scudetto consecutivo, dopo quello ottenuto con la Pomì Casalmaggiore, per Davide Mazzanti e Serena Ortolani, coppia splendida e vincente, che convolerà a nozze a breve. Per il coach di Fano si tratta del terzo titolo (oltre ai due citati, trionfò alla guida della Foppapedretti Bergamo nel 2011), per l’opposta ravennate è il quarto (2011 e prima 2006, sempre con Bergamo), raggiunte tra le atlete in attività Martina Guiggi e Francesca Piccinini. Terzo Scudetto per Jenny Barazza, secondo per Valentina Arrighetti.

Per la 18^ volta nella storia dei Play Off Scudetto (questa è la 33^ edizione), si è aggiudicata il titolo la squadra classificata prima in Regular Season. La squadra che ha dominato il Campionato, capace di elevare ulteriormente il proprio rendimento dopo lo scivolone nei quarti di Coppa Italia.

PRIMO SET – Giulia Leonardi, infortunata durante Gara 3, è a referto ma solo per onor di firma. Per lei il campionato finisce qui. Coach Gaspari comincia con Ognjenovic in palleggio, Sorokaite opposto, Meijners e Marcon in banda, Belien e Melandri al centro, Valeriano libero.

Si comincia con un equilibrio totale. Il massimo vantaggio è di Piacenza: 9-7. Poi Conegliano cresce, arriva al time out tecnico avanti 12-11, per poi allungare: 15-12, 17-13. Nordmeccanica Volley continua a giocare una partita giudiziosa e recupera: 17-19. E ancora 18-20 con Ognjenovic. Imoco Volley accelera sempre di più: Vasilantonaki firma il punto del 23-20, poi il muro delle gialloblù respinge gli attacchi di Sorokaite e di Marcon. Conegliano chiude 25- 21, attaccando col 58% contro il 42% di Piacenza.

SECONDO SET – Nordmeccanica continua a giocare una buona partita, attenta in difesa e incisiva in attacco. L’ace di Meijners vale il punto del doppio vantaggio: 8-6, confermato poi al time out tecnico, 12-10. Poi un guizzo delle Pantere, che ribaltano, andando a condurre 13-12. Piacenza pareggia Meijners a quota 14 e con Melandri a quota 15. Ma a questo punto Conegliano alza il livello del suo gioco e Nordmeccanica Volley va sempre più in difficoltà. Le padrone di casa allungano: 19-16, 21-18, per chiudere sul 25-18, andando così a condurre 2-0.

TERZO SET – Vantaggi alterni. Piacenza conduce 7-6, poi si ritrova sotto 12-10 al time out tecnico. Gaspari toglie Belien per dare spazio a Bauer. E’ proprio il capitano a firmare un doppio punto che vale il sorpasso: 13-12. Sarà questo l’ultimo vantaggio di Nordmeccanica Volley. Conegliano cambia ancora marcia, ritorna in vantaggio, per poi scatenare un’irresistibile progressione. Finisce 25- 20 il parziale che consegna alla squadra veneta il titolo di campionessa d’Italia.

Nordmeccanica Volley lascia il campo con gli applausi di uno sportivissimo Palaverde. Piacenza orgogliosa di questa piazza d’onore.

“Nonostante il problema di Megan (Easy, ndr), le ragazze hanno reagito alla grande. Ora posso dirlo – confida coach Mazzanti -: a questa squadra non manca niente, questa è la squadra più forte che io abbia mai allenato”. “Un anno fantastico, ringrazio la società perché mai come qui ho sentito la fiducia incondizionata”, aggiunge Serena Ortolani. “Per me era la prima Finale Scudetto, grazie alle compagne che me l’hanno fatta giocare. Sono felicissima, questa squadra è meravigliosa”, grida Monica De Gennaro.

“Finisce una stagione intensa, ne esco con un po’ di rimpianto – racconta Marco Gaspari -. Potevamo e potevo fare di più, devo lavorare per crescere e ci riproverò sicuramente la prossima stagione. Le piccole disattenzioni hanno fatto la differenza tra noi e loro. Applausi a Conegliano, perché si merita il titolo”. “Onore a loro – conferma Giulia Leonardi -. Peccato non finire con una medaglia, ma secondo me abbiamo disputato una grandissima stagione, arrivando fino in fondo in tutte le competizioni”.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – NORDMECCANICA PIACENZA 3-0 (25-21, 25-18, 25-20)
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Glass 2, Vasilantonaki 12, Ortolani 8, Adams 7, Robinson 18, De Gennaro (L), Arrighetti 11, Nicoletti. Non entrate Serena, Santini, Easy, Crisanti, De Bortoli, Barazza. All. Mazzanti.
NORDMECCANICA PIACENZA: Sorokaite 12, Valeriano (L), Belien 7, Bauer 1, Marcon 3, Bianchini, Melandri 5, Poggi (L), Meijners 12, Ognjenovic 5. Non entrate Leonardi, Petrucci, Pascucci, Taborelli. All. Gaspari.
ARBITRI: Sobrero, Vagni.
NOTE – durata set: 23′, 25′, 27′; tot: 75′.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.