Quantcast

I Gramloni esposti al museo del Piace, il libro donato alla società biancorossa foto

Una copia del libro è stata donata dagli autori e subito inserita in una teca dal curatore del singolare museo, Federico Zucca

Più informazioni su

I Gramloni alla conquista del tempio dei campioni della storia biancorossa, il Museo del Piace dello stadio Garilli, una galleria di immagini, maglie, gadget e cimeli dedicati al passato glorioso del Piacenza calcio.

Una copia del libro è stata donata dagli autori e subito inserita in una teca dal curatore del singolare museo, Federico Zucca: “In realtà i Gramloni restano nel cuore dei tifosi, quasi come i campioni e le bandiere del passato. Soprattutto se ricordati con lo spirito ironico e divertente che abbiamo voluto dare alla pubblicazione, ben lontano dalle esasperazioni che contraddistinguono il mondo del calcio”.

Gramloni vuole essere una divertente e struggente galleria dei peggiori giocatori dell’epoca moderna del Piace, l’era Garilli. Cinquanta cacciaviti doc, scelti con nostalgia, amore per i colori biancorossi e una certa dose di arbitrarietà, al termine di lunghe discussioni alcoliche, ricche di racconti e aneddoti esilaranti di un gruppo di giornalisti sportivi piacentini e nato d aun’idea Paolo Menzani.

Accanto alle maglie di Hubner, Nocerino, Caccia e Stroppa riposeranno quindi le storie di mancate stelle biancorosse come Rizzitelli, Tentoni e Ambrosetti, insieme ad autentiche meteore come Minopoli e Stamilla e alle “tramvate” giunte dall’estero, come Montano, Jeda, Obolo e il buon Gobatto.

Copie del libro sono state donate anche alla società Piacenza Calcio e al mister Arnaldo Franzini, con l’augurio che per il prossimo campionato di Lega Pro in biancorosso arrivino grandi giocatori, e magari anche qualche gramlone doc. Perchè i gramloni sono il sale del calcio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.