Lite ed accoltellamento a Castello, fermato un 23enne per tentato omicidio

Una furibonda lite che si è trasformata in aggressione: è accaduto nella prima serata di domenica 8 maggio, intorno alle 19.45, in via Amendola a Castel San Giovanni (Piacenza). A pagarne le conseguenze un 21enne albanese, colpito all'addome con un coltello da cucina.

Una furibonda lite che si è trasformata in aggressione: è accaduto nella prima serata di domenica 8 maggio, intorno alle 19.45, in via Amendola a Castel San Giovanni (Piacenza). A pagarne le conseguenze un 21enne albanese, colpito all’addome con un coltello da cucina.

Il giovane, rimasto ferito gravemente, è stato trasportato dai soccorritori al Guglielmo da Saliceto e nella notte è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. La prognosi resta quindi al momento riservata. Il presunto responsabile dell’accoltellamento, un 23enne, si è dato alla fuga subito dopo i fatti, a cui hanno assistito diversi testimoni, ma successivamente si è presentato in caserma, dove è stato sottoposto a fermo, con l’accusa di tentato omicidio aggravato dall’uso di un’arma impropria.

I due giovani si conoscevano e ieri si sono incontrati, in un appartamento della zona del centro di Castello: ancora da chiarire le cause del folle gesto. Le indagini sono in corso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.