Quantcast

Lyons obiettivo salvezza raggiunto. Anche se Rovigo vince (7-20)

L’obiettivo è raggiunto. Finalmente i Lyons possono tirare un sospiro di sollievo e festeggiare la permanenza in Eccellenza. La temuta rincorsa dell’Aquila che poteva agguantare i bianconeri e portarli allo spareggio si è infrante contro il San Donà

Più informazioni su

Sitav Rugby Lyons – FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta 14-65 (7-20)

Marcatori: p.t. 4’ mt. Lubian (0-5), 16’ mt. Daniele tr. Hill (7-5), 26’ cp. Basson (7-8), 36’ mt. Bronzini tr. Basson (7-15), 40’ mt. Lubian (7-20) ; s.t. 43’ mt. Bronzini tr. Basson (7-27), 45’ mt. Bronzini tr. Basson (7-34), 50’ mt. tecnica Rovigo tr. Basson (7-41), 67’ mt. Chillon (7-46), 72’ mt. Silva tr Chillon (7-53), 75’ mt. Ruffolo tr. Chillon (7-60), 77’ mt Pasini tr. Pasini (14-60), 80’ mt. Mantelli (14-65)

Sitav Rugby Lyons Piacenza: Thrower; Bruno, Forte, Hill, Subacchi (38’ Bassi); Zucconi (51’ Pasini), Via; Ward (cap), Cissè (51’ Tarantini, 65’ Fraser, 75’ Tarantini), Ferrari (55’ Bance); Ortis, Baracchi (44’ Chiappini); Fraser (58’ Salerno), Daniele (47’ Cocchiaro), Lombardi (58’ Pallaro). All. Bertoncini

FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta: Basson; McCann, Menon, Van Niekerk (50’ Lubian L.), Bronzini; Rodriguez (58’ Mantelli), Frati (46’ Chillon); Bernini, Lubian E., Ruffolo; Parker (58’ Riedo, 63’ Parker), Boggiani (48’ Maran); Tenga (50’ Silva), Momberg (cap.) (50’ Balboni), Quaglio (50’ Atalifo). All. Mc Donnell

Arb: Bertelli (Brescia)

L’obiettivo è raggiunto. Finalmente i Lyons possono tirare un sospiro di sollievo e festeggiare la permanenza in Eccellenza. La temuta rincorsa dell’Aquila che poteva agguantare i bianconeri e portarli allo spareggio si è infrante contro il San Donà. In contemporanea invece i ragazzi di Achille Bertoncini si sono dovuti arrendere ad un Rovigo già in formato playoff che non ha lasciato loro scampo.

La resistenza dei Lyons infatti dura solo un tempo; poi, complice la preponderanza fisica dell’avversario e forse la notizia del vantaggio del San Donà, i piacentini si arrendono alla superiorità degli ospiti. Il primo tempo comincia con un Rovigo capace di imprimere un ritmo stellare all’incontro a cui i bianconeri rispondono con una difesa caparbia anche se sempre in leggero affanno.

La prima marcatura arriva al 4’ minuto e porta la firma di Lubian che finalizza alla perfezione una maul. Basson manca la trasformazione e i leoni piacentini non si arrendono: provano a spostare il baricentro nella metà campo degli ospiti e al 16’ varcano la linea di meta veneta con Daniele. Dalla piazzola Hill porta in vantaggio i suoi che rimangono davanti nel differenziale fino al 26’ quando Basson trasforma un calcio di punizione. Nel finale di primo tempo è il Rovigo a fare la differenza e negli ultimi quattro minuti segna due splendide mete prima con Bronzini e poi con Lubian che mandano le squadre negli spogliatoi sul 20 a 7.

La ripresa si apre come si era concluso il primo tempo: i Lyons sono ormai senza benzina e i rossoblù possono allungare con una progressione impressionante. Nei primi dieci minuti segnano tre mete che scavano un solco incolmabile per i padroni di casa. Altre quattro marcature degli ospiti arrivano tra il 67’ e l’80’ inframmezzate da un intercetto di Pasini che rende meno pesante il passivo per i Lyons. Alla fine il risultato è di 65 a 14 in favore di Rovigo che è sembrata una delle squadre più solide e concrete viste in questo campionato. La sconfitta però brucia poco in casa Lyons dove l’attenzione è tutta concentrata sulla salvezza appena ottenuta.

Nonostante la sconfitta il tecnico bianconero Achille Bertoncini è soddisfatto per l’obiettivo raggiunto: «Come prima cosa vorrei ringraziare i ragazzi che ci hanno messo il cuore e sono riusciti a rimanere in partita per tutto il primo tempo, e anche i miei collaboratori Tino Paoletti e Giorgio Bertoglio. Oggi abbiamo sofferto molto in mischia e sono mancati i palloni sulle fasi statiche. Nel secondo tempo Rovigo ha accelerato e sono venute fuori le sue qualità. Per quanto riguarda la salvezza posso dire che la ritengo giusta e meritata: abbiamo battuto due volte L’Aquila e raggiunto il nostro obiettivo. Da settembre abbiamo fatto molta strada e siamo cresciuti molto.»

Il presidente bianconero Natalino Fanzola può finalmente tirare un sospiro di sollievo: «L’obiettivo è raggiunto e possiamo cominciare a festeggiare. Quest’anno abbiamo fatto esperienza e penso che con qualche rinforzo l’anno prossimo potremmo giocarcela con diverse squadre. Per quanto riguarda la partita di oggi il Rovigo lotta per lo scudetto e la differenza si è vista.»

Contento per la meta marcata è l’ex di Rovigo Davide Pasini: «Contro un Rovigo così era veramente dura e quindi abbiamo fatto il possibile. Personalmente sono molto soddisfatto, quest’anno ero ancora a secco con le marcature e segnare contro il Rovigo ha un sapore speciale.»

A.S.D. Rugby Lyons Piacenza L’addetto stampa
Alessandro Biasion

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.