Quantcast

Nuova stazione bus, flash mob di protesta del Movimento Studentesco Padano

Troppi disagi, dicono gli studenti padani, che hanno organizzato una protesta vicino alla nuova stazione dei bus venerdì alle 13 e 30. 

“Troppi disagi per lo spostamento degli autobus in via dei Pisoni. Gli studenti chiedono di sopprimere la navetta e permettere nuovamente ai mezzi di transitare in Piazza Cittadella. Per questo il Movimento Studentesco Padano di Piacenza ha organizzato un flash mob per venerdì 13 maggio, alle 13 e 30, in Piazza Cittadella (di fronte alla vecchia biglietteria). “Sono proprio gli studenti che mantengono vivo il servizio del trasporto pubblico. Non dovrebbero, quindi, essere considerati l’ultima ruota del carro”.

“I più penalizzati da questa scelta sono gli studenti della provincia – spiega Thomas Trenchi, coordinatore provinciale Msp -. Infatti, oltre all’elevato costo dell’abbonamento e ai mezzi degradati ed insicuri, ora, una volta usciti da scuola, devono prendere una navetta sovraffollata per raggiungere la nuova autostazione, rischiando di perdere le coincidenze”

“Il 13 maggio, aspettiamo tutti gli studenti che stanno subendo questo tremendo disagio. Il tutto durerà pochissimo: 1 minuto d’orologio in cui ognuno alzerà un cartello con scritto “ASCOLTATECI”. Infatti, l’amministrazione comunale ha completamente ignorato il parere degli studenti, evitando il confronto con coloro i quali vivono il trasporto pubblico quotidianamente. Confidiamo nella partecipazione di chi fino ad oggi si è caldamente lamentato sul web: è arrivato il momento di metterci la faccia!”.

“A nostro avviso, i problemi non finiscono qui: tale spostamento provoca un ritardo nelle partenze, comportando una perdita di tempo non indifferente nella vita di uno studente, che cerca spesso di conciliare tempo libero e studio.

Chiediamo all’amministrazione – aggiunge Marvin Di Corcia, coordinatore Msp Emilia – di fare un passo indietro, permettendo nuovamente agli autobus di transitare in Piazza Cittadella negli orari di uscita delle scuole, così da contenere il disagio degli studenti. Chiediamo pertanto un incontro col sindaco e l’assessore competente”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.