“Proposte d’ascolto”, torna la rassegna del Nicolini

"La rassegna - la presenta il Presidente del Conservatorio Daniele Cassamagnaghi - è rappresentativa del grande lavoro di insegnanti e studenti, nell'ambito dell'anno accademico 2015/2016

Più informazioni su

25 concerti ad ingresso gratuito, in luoghi prestigiosi come le sale dei Teatini, del Ridotto del Teatro Municipale, dell’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano, ospitati dagli Amici della Lirica e dalla Tampa Lirica oppure in ambienti incantevoli come il Chiostro della Galleria Ricci Oddi, oltre che nella Sala dei concerti del Conservatorio e al Milestone.

Torna la rassegna “Proposte d’ascolto” che il Conservatorio cittadino “G.Nicolini” offre a Piacenza: dai recital dei pianisti, alla musica in duo e da camera, dal Barocco al Jazz, dal canto lirico alle atmosfere della poesia in musica, gli studenti del Nicolini offriranno alla cittadinanza la testimonianza della loro crescita artistica e professionale, coadiuvati dai maestri loro docenti.
 
Patrocinata dal Comune di Piacenza, in collaborazione con Fondazione Teatri, Fondazione di Piacenza e Vigevano e Galleria Ricci Oddi, la rassegna ospita, tra l’altro, la ripresa di un’opera del ‘700 di Geminiano Giacomelli all’interno di una Giornata di studi sul famoso operista della piacenza dei Farnese, un progetto dell’Associazione Arti e Pensieri sulle tematiche del Po e del suo territorio visto anche come terra d’approdo e una trasferta dei giovani musicisti del Nicolini a Vigevano.
 
“La rassegna – la presenta il Presidente del Conservatorio Daniele Cassamagnaghi – è rappresentativa del grande lavoro di insegnanti e studenti, nell’ambito dell’anno accademico 2015/2016. La programmazione, che coinvolge tutte le classi di strumento, presenta composizioni dal 1700 ai giorni nostri”.

“Durante l’anno accademico in corso, i nostri studenti hanno partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali dove hanno conseguito una serie di risultati di assoluto rilievo e prestigio nel panorama musicale nazionale e internazionale. Tutto ciò non è casuale ma è il risultato di un lavoro appassionato, puntuale e meticoloso da parte di insegnanti e studenti”.

“Pertanto la presente rassegna proporrà all’attenzione del pubblico oltre ad un ampio ventaglio di proposte musicali, anche la possibilità di ascoltare studenti che affronteranno per la prima volta il pubblico garantendo quella continuità artistica e musicale che è il fondamento e il riconoscimento del lavoro al quale partecipano con grande dedizione tutte le componenti del Conservatorio”.

“Anche quest’anno – aggiunge il direttore del Conservatorio Lorenzo Missaglia – offriamo alla città una serie di concerti frutto della crescita artistica e strumentale dei nostri studenti. Vorrei sottolineare il grande impegno dei docenti che hanno reso possibile la realizzazione di questa rassegna, da coloro che hanno preparato gli studenti proponendoli alla direzione, a coloro che organizzano e redigono questo opuscolo”.

“Dovuti anche i ringraziamenti a Fondazione Teatri di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Galleria Ricci Oddi e Comune di Piacenza, che mettendo a disposizione i prestigiosi luoghi dove studenti e docenti suoneranno, forniscono una nuova opportunità di impegno professionale, tanto utile ai nostri giovani musicisti”.

“Fra loro alcuni sono stati premiati in concorsi di esecuzione nell’ultimo anno, altri ancora sosteranno esami finali nei corsi accademici conseguendo diplomi di alto livello musicale. A tutti il mio augurio di poter continuare a coltivare la propria passione con i migliori risultati professionali possibili”.

Due studenti interpreti del concerto, a maggio hanno vinto il primo premio al Concorso di Musica da Camera “Città Piove di Sacco”: un nuovo successo per l’arpista piacentina Tatiana Alquati, che sta riscuotendo successi in ogni parte del mondo, e Antonino Marasco, pianista e didatta.

1° appuntamento martedì 17 maggio 2016, ore 19.30  
Sala dei Teatini

Manuel De Falla
(1876-1946)

Concerto in Re maggiore per clavicembalo e cinque strumenti
Allegro
Lento: giubiloso ed energetico
Vivace: flessibile, scherzando
 
Enrico Bissolo clavicembalo
Jacopo Carini flauto
Luca Etzi oboe
Miljan Minic clarinetto
Gianandrea Guerra violino
Marco Decimo violoncello

 
Joaquín Turina
(1882-1949)
Cyclo Plateresco

Paul Bazelaire
(1886-1958)
Fantasiestück op. 87

 
Tatiana Alquati arpa
Antonino Marasco pianoforte

 
Aleksandar  Sedlar
(1982)
Meditation and Round Dance

 
Paolo Costanzo violino
Marco Decimo violoncello
Keiko Yazawa pianoforte
Darko Jovanovic clarinetto
 

Classe di Musica d’insieme Fiati del prof. Guido Campana
Classe di Musica da camera del prof. Marco Decimo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.