Quantcast

Quanto manca al bus? Seta lo dice sullo smartphone

L’orario effettivo di passaggio degli autobus alle fermate, aggiornato in tempo reale, arriva direttamente su smartphone Android e iOs grazie al nuovo servizio offerto dalla app gratuita realizzata da Seta. Il servizio è consultabile anche dal computer.

Più informazioni su

A che ora passa il bus dalla mia fermata? Dove si trova la fermata più vicina, e quali linee vi transitano? Domande semplici, ma fondamentali per chi utilizza i mezzi pubblici, alle quali Seta risponde con “Quanto manca?”, la nuova funzione inserita nella app aziendale che fornisce agli utenti del trasporto pubblico, direttamente sul loro smartphone Android e iOs, gli orari effettivi di passaggio dei mezzi – sempre aggiornati in tempo reale – da ogni singola fermata del territorio provinciale di riferimento.

Il servizio, consultabile anche da computer, è il primo di questo genere realizzato da un’azienda di trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna. E’ attivo – in fase di test – per i bacini territoriali di Reggio Emilia e di Piacenza, mentre per quello di Modena sarà disponibile entro la fine di maggio. A breve, inoltre saranno attivate anche le versioni per tablet e per smartphone Windows.

“Il servizio Quanto manca? è reso possibile dalla presenza, su tutta la nostra flotta urbana ed extraurbana, del sistema di telecontrollo satellitare dei mezzi: questo è un primo esempio degli investimenti realizzati da Seta per migliorare la qualità e l’affidabilità del nostro servizio, al quale seguiranno presto altre novità che andranno a beneficio del comfort e della sicurezza degli utenti” ha ricordato Vanni Bulgarelli, Presidente di Seta, nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova applicazione informatica.

Per utilizzare il servizio bisogna inquadrare con il proprio dispositivo mobile il codice QR presente sulle vetrofanie applicate sui bus e nei cartelli esposti alle principali fermate urbane.

Una volta avviata la app si dispone di tre opzioni: inserire il nome della fermata di interesse; digitare un indirizzo per trovare le fermate più vicine alla propria posizione; cercare la fermata tra quelle visualizzate nella mappa. Una volta individuata la fermata giusta la app fornisce l’elenco dettagliato delle linee che vi transitano, indicando i minuti mancanti all’arrivo di ogni singolo mezzo in circolazione.

La schermata si ricarica automaticamente ogni trenta secondi, per garantire informazioni sempre aggiornate. Inoltre, per agevolare gli utenti che non conoscono il nome della fermata, il servizio propone il completamento automatico del testo inserito, suggerendo l’esatta dicitura in base all’indirizzario presente nel sistema.

Per chi utilizza il servizio tramite computer il procedimento è sostanzialmente simile: in questo caso è sufficiente collegarsi all’indirizzo www.setaweb.it/quantomanca per ottenere le informazioni necessarie a pianificare il proprio tragitto, secondo le modalità sopra riportate. A differenza della modalità app, il servizio desktop visualizza tutte le corse presenti nelle tabelle orarie, distinguendole da quelle effettivamente in servizio con un differente codice colore.

La funzione “Quanto manca?” è compresa tra quelle offerte dalla app di Seta, disponibile gratuitamente per sistemi Android e iOs, già utilizzata da oltre 20 mila utenti. La app Seta fornisce informazioni a 360 gradi sul servizio erogato dall’azienda, e permette di: consultare le linee e gli orari di ognuna delle tre province in cui opera Seta; calcolare le tariffe di biglietti ed abbonamenti; ottenere indicazioni di percorrenza di un itinerario utilizzando i mezzi pubblici; trovare la rivendita autorizzata più vicina; ricevere news sulle variazioni del servizio (deviazioni, interruzioni della viabilità, scioperi, eccetera); ricaricare l’abbonamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.