Quantcast

Urban Hub, la Regione: “Spazio fondamentale per creare buona occupazione” foto

Dopo l'avvio delle attività nelle settimane passate, per il laboratorio creato nei locali del Comune all'angolo con via Alberoni è giunto il giorno dell'inaugurazione ufficiale con le autorità della Regione, che ha investito 500mila euro nella struttura

Più informazioni su

“Riconnettere la conoscenza con il saper fare”. E’ il concetto che l’assessore regionale alle attività produttive Palma Costi ha utilizzato per spiegare il ruolo che il nuovo Urban Hub di via Trebbiola avrà nel contesto produttivo, della ricerca e della formazione di Piacenza.

500 MILA EURO DALLA REGIONE – Dopo l’avvio delle attività nelle settimane passate, per il laboratorio creato nei locali del Comune all’angolo con via Alberoni è giunto il giorno dell’inaugurazione ufficiale con le autorità della Regione, che ha investito 500mila euro nella struttura.

Accompagnata dal sindaco Paolo Dosi, dal vice Francesco Timpano, dalla consigliera regionale Katia Tarasconi, l’assessore Costi ha spiegato la strategia dell’Emilia Romagna per creare nuova occupazione di qualità, che si fonda su una “rete delle conoscenze” realizzata anche attraverso le strutture come l’Urban Hub. 

“L’obiettivo della Regione è quello di perseguire la buona occupazione, – ha sottolineato Palma Costi – dobbiamo tornare a creare lavoro, ma non possiamo competere al ribasso. Invece dobbiamo posizionarci su livelli alti di offerta, facendo leva sull’intelligenza, sulle capacità di innovazione e sulla conoscenza. L’innovazione non può essere un fatto individuale in questo contesto, ma un fatto collettivo e si ottiene facendo convergere più soggetti in un ambiente aperto, una sorta di ecosistema, dove ci sia la possibilità di mettere in campo le idee più innovative.

NUOVE IMPRESE E CONTAMINAZIONI DELLE VECCHIE – Far nascere nuove imprese è cruciale come ibridare quelle che già esistono con idee innovative: ed è questa la missione dell’Urban Hub. Noi competeremo se saremo in grado di sviluppare prodotti e progetti fortemente innovatici in ambienti fortemente vocati all’innovazione a 360 gradi e questo è un luogo creato per questo per far convergere tutti i soggetti interessati a sviluppare progetti che abbiano un futuro di impresa.

Abbiamo deciso di investire sulle industrie creative e culturali in Regione e abbiamo il dovere di costruire sinergie attraverso una rete sulla quale stiamo puntando tantissimo.  Con il patto per il lavoro in Regione il nostro obiettivo è di agire su tutti quei tasti per creare occupazione, e proprio ieri pubblicato un bando sulla ricerca industriale”. 

“Sono felice che anche le imprese, soprattutto le piccole e medie, – ha proseguito l’assessore – possano contare su questo luogo dove si può fare ricerca. Il Comune di Piacenza è stato bravo a far nascere il laboratorio già in stretta connessione con il sistema della formazione universitaria e delle imprese, con le migliori potenzialità che sono in grado di incontrarsi, non solo le eccellenze industriali ma anche culturali. E’ vero, la Regione promuove scambi e contatti con tutto il mondo per migliorare la nostra attività di supporto all’innovazione, ma voglio dire che la Silicon Valley italiana c’è e si trova in Emilia Romagna. L’Urban hub – ha concluso Costi – è uno strumento straordinario per questo fatene un buon uso”.

IN PARTENZA PER LA SILICON VALLEY – Alla presentazione è intervenuto anche Roberto Toscani, titolare della società piacentina Binary System che si è specializzata nella realizzazione di software per le imprese di trasporti ferroviari ed è in espansione non solo in Italia. Toscani partirà nei prossimi giorni per la Silicon Valley nell’ambito di un progetto di internazionalizzazione e di scambio sostenuto dalla Regione. “Quello che si fa nell’Urban Hub di Piacenza – ha affermato – è fondamentale per noi imprese, voglio solo far notare che nel nostro settore dell’Information Technology applicata alla logistica facciamo fatica a reclutare persone, ai colloqui di lavoro non si presenta nessuno”. 

Già operativa in diversi ambiti e sede di numerosi incontri dedicati all’innovazione, allo sviluppo delle start-up e ai servizi per l’impresa, la struttura all’angolo con via Trebbiola sarà inaugurata ufficialmente alla presenza dei vertici di tutte le realtà coinvolte: Piacenza Expo, Camera di Commercio, Consorzio di Bonifica di Piacenza, Confcooperative, Conservatorio Nicolini, Università Cattolica del Sacro Cuore, Politecnico di Milano e TRed.

TIMPANO PRESENTA L’URBAN HUB

L’intera giornata di giovedì 5 maggio, del resto, sarà dedicata a favorire la conoscenza e la fruizione di spazi e laboratori, a partire dalle ore 9 con la visita di una classe dell’Isii Marconi che potrà sperimentare, tra l’altro, l’uso delle stampanti tridimensionali.

Alle 14 ci sarà una presentazione dedicata al mondo dei creativi, mentre alle 17 si terrà un incontro rivolto alle imprese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.