Quantcast

Distrutto dall’alluvione, riapre il chiosco sul Lungo Trebbia FOTO foto

Nonostante lo sgomento davanti al disastro, il titolare non ha mai pensato di rinunciare all’attività: in attesa di ricevere i risarcimenti previsti per le imprese danneggiate, il cantiere di ricostruzione è comunque partito nella primavera

Più informazioni su

Sommerso dall’acqua, cancellato in poche ore dall’onda del Trebbia: così si era presentato il chiosco situato sul lungofiume di Rivergaro (Piacenza) agli occhi del suo proprietario, la mattina del 14 settembre 2015. (FOTO)

Un destino che ha colpito tante famiglie e imprese del Piacentino, che hanno dovuto fare i conti con i danni e le ferite causate dall’alluvione, per poi cercare la forza di risollevarsi e andare avanti.

Così ha fatto anche Piergiorgio Devoti, giovane titolare di “Il grande Cocomero”, il chioschetto-bar che aveva preso in gestione solo da pochi mesi. Entro la fine di settembre il baretto, aperto solo in estate, avrebbe chiuso le porte per riprendere l’attività con l’arrivo della bella stagione, ma l’esondazione del Trebbia ha imposto un brusco stop, che poteva rivelarsi definitivo. 

La piccola struttura in legno, gli elettrodomestici e tutta l’attrezzatura contenuta all’interno sono andati completamente distrutti, per un danno complessivo di circa 30mila euro.

Nonostante lo sgomento e lo sconforto provato davanti al disastro, il titolare non ha mai pensato di rinunciare all’attività: in attesa di ricevere i risarcimenti previsti per le imprese danneggiate dall’alluvione, il cantiere di ricostruzione è comunque partito nella primavera scorsa, con l’obiettivo di poter tornare al lavoro a inizio giugno 2016, come programmato prima che l’acqua del Trebbia sconvolgesse i suoi piani.

E così è stato: nelle scorse settimane, a distanza di nove mesi da quei tragici eventi, il chiosco, completamente ricostruito, ha fatto nuovamente capolino sulle sponde di Rivergaro e il 2 giugno ha ufficialmente inaugurato la nuova stagione.

Anche questo un segno di ritorno alla normalità e della volontà di ripartire che i piacentini hanno saputo esibire davanti alle difficoltà.
 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.