Femminicidio, Scardi “Una legge non basta. A Piacenza in aumento abusi gravi” foto

In occasione dei vent’anni dall’approvazione della legge sulla violenza sessuale, l’associazione Telefono Rosa Piacenza organizzato in collaborazione con la Prefettura il convegno “Da allora in poi…”, un’importante opportunità per riflettere e richiamare l’attenzione sul tema della violenza di genere.

Più informazioni su

In occasione dei vent’anni dall’approvazione della legge sulla violenza sessuale, l’associazione Telefono Rosa Piacenza organizzato in collaborazione con la Prefettura il convegno “Da allora in poi…”, un’importante opportunità per riflettere e richiamare l’attenzione sul tema della violenza di genere.

Un tema al centro della cronaca di questi giorni: nelle ultime 24 ore sono state 3 le donne uccise in Italia dai propri ex partner. “Sono numeri impressionanti – dice Donatella Scardi del Telefono Rosa – perché dietro a ogni donna c’è una storia triste, di violenze subite e denunce fatte. Nell’arco di questi anni abbiamo assistito su questo tema a un cambiamento culturale molto forte, mentre è mancata la preparazione a livello educativo. E’ di tutta evidenza, lo dicono i fatti ai quali continuiamo ad assistere, che una legge non basta. Occorre un maggiore impegno sul fronte dell’educazione e del rispetto di genere. A Piacenza il numero delle richieste di aiuto da parte di donne abusate è stabile, quello che ci preoccupa è l’aumento della gravità dei casi segnalati”. 

“Da diverso tempo avevo in programma di organizzare un evento di questo tipo – aggiunge la prefetta Anna Palombi -, con esperti e rappresentanti di associazioni da tempo impegnate sul fronte della violenza di genere, come Telefono Rosa. Il convegno è un primo passo verso un progetto più ampio, coinvolgendo sempre i sindaci, primi garanti della tutela e della dignità dei cittadini”. 

Stefano Perrucci, consigliere provinciale, ha portato il saluto delle istituzioni. “Mi ricordo nel 1994 quando in Comune ci impegnammo, insieme a Paolo Fiori allora capogruppo Pds e all’allora assessore Roberto Reggi, per la nascita a Piacenza del Telefono Rosa. Da allora l’associazione guidata con passione da Donatella Scardi ha aiutato centinaia di donne – dice Perrucci -, e ha fatto sì che la comunità intera non restasse indifferente a questo tema”. 

Sono poi intervenuti Marina Marchetti, magistrato (Violenza sessuale e domestica in aula), Ilaria Egeste, psicologa (Violenza di genere—Stereotipi), e Gerardo Fina, veterinario (La relazione tra maltrattamenti sugli animali e violenza domestica). 

.

Il convegno, moderato dalla vicepresidente di Telefono Rosa Anna Gallazzi, si è conclusa con l’esperienza di alcune operatrici del Centro Antiviolenza.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.