“Notte d’estate” a Gragnano, sabato musica e bancarelle

Per il secondo anno infatti verrà chiusa la strada provinciale che attraversa il paese e lo spazio relativo verrà occupato da bancarelle , tavoli e gruppi musicali per una grande festa di paese

Più informazioni su

Sabato 11 Gragnano (Piacenza) si trasformerà in una grande piazza a disposizione dei cittadini e dei visitatori.

Per il secondo anno infatti verrà chiusa la strada provinciale che attraversa il paese e lo spazio relativo verrà occupato da bancarelle , tavoli e gruppi musicali per una grande festa di paese. 

L’iniziativa è stata presentata in sala consigliare dal Sindaco Patrizia Calza, dal Vice Sindaco Marco Caviati, dall’assessore Cristiano Schiavi, da Alberto Castellani, rappresentante della Pro Loco, da Manuela Turrini del Comitato Commercianti e da  Lorenzo Montanari dell’Unione Commercianti.

“Abbiamo voluto fortemente questa festa lo scorso anno” – spiega il primo cittadino – perchè si recuperasse la bellezza dello stare insieme e del fare comunità. Per questo abbiamo coinvolto tutte le realtà locali che ne  hanno compreso lo spirito e hanno collaborato con entusiasmo. L’iniziativa dello scorso anno è stato un successo e quindi non si poteva che replicare. Un lavoro complesso di organizzazione che ha visto l’assessore Marco Caviati, paziente coordinatore, sempre in prima linea e a lui vanno i nostri ringraziamenti”.

Lo stesso Caviati aggiunge che, secondo l’idea originale, la festa doveva essere espressione del tessuto locale: “Sono stati coinvolti commercianti, ristoratori, gastronomie, produttori agricoli e associazioni gragnanesi, tra questa ultime in particolare “Liberamind “e “Michele Isobaleu”. Ospiti non gragnanesi invece gli amici di TEO , associazione Celiaci e gli Artigiani creativi della Valtrebbia. Ringraziamo la Pro Loco Locale che ha messo a disposizione i tavoli e dei volontari per l’allestimento”

Grande soddisfazione è stata espressa da Turrini, che ha sottolineato come l’adesione quest’anno sia stata superiore a quella dello scorso anno e quindi ci sono le premesse per un’ottima riuscita dell’iniziativa. 

La manifestazione ha visto la partecipazione fattiva anche di Orzorok che, come chiarisce Gabriele Finotti, ha aderito molto volentieri all’iniziativa sia per l’affetto verso Gragnano, dove il gruppo è nato e dove ogni anno si svolge il suo evento più noto (quest’anno l’8 e 9 luglio), sia perchè si tratta di una tappa di avvicinamento allo stesso, essendo inserita in un calendario in uscita “Aspettando Orzorok”.
 
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.