Quantcast

Sabato Farnese e Daturi diventano un “Giardino delle delizie”

Sarà la cornice di Palazzo Farnese e dell’arena Daturi ad accogliere, sabato 25 giugno, il nuovo appuntamento nell’ambito della rassegna “Il Po ricorda”, organizzata dall’associazione Arti e Pensieri in collaborazione con l’Amministrazione comunale, con il sostegno di Ibc Emilia Romagna, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Consorzio di Bonifica, La Stoppa, Rg e Danzando. 

Sarà la cornice di Palazzo Farnese e dell’arena Daturi ad accogliere, sabato 25 giugno, il nuovo appuntamento nell’ambito della rassegna “Il Po ricorda”, organizzata dall’associazione Arti e Pensieri in collaborazione con l’Amministrazione comunale, con il sostegno di Ibc Emilia Romagna, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Consorzio di Bonifica, La Stoppa, Rg e Danzando.

Si comincia alle 18, con la visita guidata alla sezione dei Musei Civici recentemente dotata di una ricostruzione del piano originario del Vignola per il giardino della residenza farnesiana, insieme all’autrice dei più approfonditi studi sul tema: l’architetto Roberta Morisi.

A seguire, le performance in costume dell’associazione Ragazzi al Museo con l’attore Nando Rabaglia dei Cinemaniaci, le note di Daorsa Dervishi al flauto barocco e di Silvia Sesenna alla spinetta, il dj-set “Rock me Amadeus” di Roberto Dassoni animeranno il loggiato, dove il rinfresco a tema accompagnerà gli ospiti verso la proiezione speciale delle 21.45 all’arena Daturi, dove la rassegna estiva del cinema all’aperto ospiterà la “Marie Antoinette” di Sofia Coppola. Ingresso libero e gratuito agli eventi di Palazzo Farnese, biglietto al costo ridotto di 4 euro per il film.

Serata ispirata alle geometrie e alle suggestioni del giardino, dunque, dopo l’evento dedicato al concetto di “Confine” che sabato scorso, 18 giugno, ha aperto l’edizione 2016 de “Il Po ricorda” alla sala dei Teatini, con il concerto “Piacenza, la piccola cosmopolita”, tra musiche di Brahms eseguite dagli studenti del Conservatorio Nicolini e i ritmi tradizionali africani affidati al Progetto Identità Musicali, ensemble diretto da Elisa Tartaglia. Domenica 19, grande partecipazione anche alla visita guidata a Palazzo Farnese e alla basilica di San Sisto, a cura di Raimondo Sassi e Noemi Pisati, con aperitivo basato sul cibo semplice dei pellegrini medievali, le note della piva di Carlo Gandolfi degli Enerbia e laboratori per adulti e bambini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.