Quantcast

Sicurezza, Siap incontra il questore: “Confronto sereno e proficuo”

Un confronto “sereno e proficuo”. Così Sandro Chiaravalloti, segretario provinciale Siap, riferisce dell’incontro avuto con il questore di Piacenza Salvatore Arena sul tema della sicurezza e del lavoro delle volanti

Più informazioni su

Un confronto “sereno e proficuo”. Così Sandro Chiaravalloti, segretario provinciale Siap, riferisce dell’incontro avuto con il questore di Piacenza Salvatore Arena sul tema della sicurezza e del lavoro delle volanti.

Arena ha ricevuto Chiaravalloti insieme ai colleghi Pierpaolo Moro e Simone Littera, al fine, spiega lo stesso segretario Siap, “di avviare un nuovo percorso di dialogo tra i colleghi del Siap incardinati nelle volanti che rappresentano principalmente le problematiche delle stesse, con il dirigente delle Volanti, al fine di rendere più snello ogni possibile problema che, se risolto tempestivamente, non può che giovare all’amministrazione e ai colleghi stessi”.

“Era doveroso, da parte nostra, – prosegue Chiaravalloti – ancor prima che intraprendere una nuova e costruttiva fase di dialogo tra delegati Siap e dirigente delle volanti, presentarsi al Questore Arena il quale, nel pieno rispetto delle parti, ha concesso ancora una volta un confronto sereno e proficuo che, come detto, proseguirà all’interno dell’UPGSP”.

“Nella circostanza, abbiamo potuto esercitare un primo intervento, teso da una parte a difendere le esigenze dell’amministrazione in tema di sicurezza verso i cittadini e dei colleghi che prestano servizio nelle volanti, e dall’altra chiedere una maggiore attenzione sull’impiego del personale in linea con le direttive dipartimentali, indirizzate a non distogliere gli agenti dai loro compiti naturali e fondamentali di controllo del territorio, punta di diamante della sicurezza, che sta dando, a mio parere, ottimi risultati sia sul servizio 113 che sotto l’aspetto investigativo, in un territorio sempre più ostile”.

“Pertanto – aggiunge ancora -, siamo soddisfatti del continuo confronto con il Questore Arena, e crediamo fermamente che attraverso il dialogo sereno e rispettoso delle parti, anche se a volte non convergente, si possa sempre più aumentare la qualità della vita lavorativa nel rispetto delle regole e delle norme, che necessariamente, come indicato dal contratto lavorativo dei poliziotti, rendono un sereno svolgimento del servizio. Il che vuol dire: maggiore motivazione, maggiore produttività e , quindi, maggiore sicurezza”.

“È attraverso le norme e le regole che in questo Paese, a nostro parere, le cose possono cambiare in modo positivo – conclude – ed è per questo che abbiamo sempre avuto il coraggio di effettuare atti democratici di dissenso contro comportamenti ingiusti e quindi provocatori; ma, quando rispettate, abbiamo dimostrato e dimostriamo che il dialogo è lo strumento per eccellenza di una grande istituzione come la Polizia di Stato, dove le regole sono democrazia e libertà che, a sindacalisti come me, sono costati negli anni sacrifici personali e famigliari”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.