“Quanti soldi dai comuni a “Val Tidone Musica”?” Giovanardi interroga il Ministro

Ad interessare Giovanardi della questione l'Associazione Liberali di Piacenza. Il sindaco Dosi: "Nessun finanziamento da parte del Comune di Piacenza”

Più informazioni su

“Quale contributo i Comuni di Piacenza, Calendasco, Pecorara, Agazzano, Borgonovo Val Tidone, Castel San Giovanni, Gragnano Trebbiense, Pianello Val Tidone, Sarmato e Nibbiano corrispondano alla fondazione “Val Tidone Musica” come aderenti alla fondazione stesse e quali prestazioni ricevono in corrispettivo? Queste ultime sono gratuite o meno?”.

Sono i quesiti avanzati dal senatore Carlo Giovanardi (Gruppo liberali democratici), che sul tema ha presentato un’interrogazione urgente al Ministro dei beni culturali.

Ad interessare Giovanardi della questione l’Associazione Liberali di Piacenza: “I Comuni – sostengono – lamentano di non avere fondi per gli asili (e perfino per la carta igienica degli asili: in certuni, i bambini se la portano da casa), ma hanno però soldi per offrire spettacoli anche passatempo ai propri cittadini, non sempre di qualità almeno confacente alla spesa”.

“Il “Festival dello spreco” (come lo chiamano, ormai, i piacentini, da qualche anno) è in corso in questi giorni ma dura mesi (naturalmente, non tutti i giorni). Le spese sono a carico della Fondazione di Piacenza, che avrebbe peraltro finalità soprattutto assistenziali (tradizionalmente, secondo una prassi, l’Ente di via Poggiali ha concesso al Festival Val Tidone 120.000 euro circa ogni estate, coi tempi che corrono e i problemi che hanno le famiglie), e a carico dei Comuni, che hanno anzi aderito ad una Fondazione al proposito, assumendo pure impegni pluriennali”.

“Rivolgiamo – concludono un vivo ringraziamento al senatore Giovanardi per la prontezza della disponibilità e l’incisiva azione parlamentare intrapresa. Sarà nostra tenere aggiornata l’opinione pubblica sul problema”.

Dosi: “Nessun finanziamento da parte del Comune di Piacenza” – A seguito della nota dell’Associazione Liberali Piacentini, che ha interessato il senatore Carlo Giovanardi per sapere dal Ministro dei beni culturali quanto hanno erogato i Comuni del territorio alla Fondazione Val Tidone Musica per la realizzazione del festival valtidonese, il sindaco Paolo Dosi precisa quanto segue: “Mi preme sottolineare che l’Amministrazione comunale di Piacenza, indicata dallo stesso Giovanardi di aver sostenuto economicamente la Fondazione valtidonese, a seguito delle verifiche compiute dagli uffici competenti, non ha erogato alcun contributo per tale iniziativa culturale; il Comune di Piacenza ha invece ospitato alcuni spettacoli del Festival, che però non hanno avuto alcun costo per l’ente”.

Foti (FdI-An): “Fondazione Val Tidone Musica? Ecco chi la finanzia” – “Il sindaco Dosi, dovrebbe pur ricordare che quanto meno la quota per costituire il Fondo di dotazione iniziale della Fondazione Val Tidone Musica, il Comune di Piacenza ha sborsato. A tacere di altre prestazioni (in beni e/o servizi) rese”.

Lo sostiene l’on. Tommaso Foti, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, commentando l’interrogazione presentata dal senatore Carlo Giovanardi.

“Quanto all’attualità, parlano i bilanci. I ricavi per il 2016 della Fondazione Val Tidone Musica sono così ripartiti:  150.000 euro della Fondazione di Piacenza e Vigevano, 72.000 euro di alcuni Comuni della provincia di Piacenza, 20.000 euro della Regione Emilia-Romagna,  2.000 euro della Camera di Commercio. Detti contributi rappresentano oltre il 95% del totale dei ricavi previsti dalla Fondazione Val Tidone Musica. Il resto e’ coreografia, o sfilata – più  o meno – di moda”,

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.