“La stazione di Piacenza è sicura”. Un anno di bilancio della Polfer foto

3224 le persone identificate nel corso dell’anno, fra cui 1055 stranieri e 143 minorenni; 15 le persone denunciate, oltre ad uno straniero che è finito in manette. Gli agenti hanno inoltre sventato due tentativi di suicidio e sequestrato complessivamente otto etti e mezzo di stupefacente

“La stazione di Piacenza è sicura”. Parola dell’ispettore capo Salvatore Altieri, comandante della Polfer locale e da 34 anni in servizio nella nostra città.

L’occasione è il bilancio dell’attività per il 2015 della polizia ferroviaria, che a Piacenza può contare su una ventina di agenti in servizio: 1270 le pattuglie impiegate in stazione e 180 quelle a bordo dei treni, con 326 convogli scortati.

3224 le persone identificate nel corso dell’anno, fra cui 1055 stranieri e 143 minorenni; 15 le persone denunciate, oltre ad uno straniero che è finito in manette. Fra i reati contestati quelli di false generalità, minacce, danneggiamento, lesioni, fino agli atti osceni. Gli agenti hanno inoltre sventato due tentativi di suicidio e sequestrato complessivamente otto etti e mezzo di stupefacente.

“La nostra attività “sul campo” è molto varia – spiega Altieri – dall’assistenza ai viaggiatori e al personale ferroviario al controllo delle persone in transito in stazione; è un servizio importante proprio perché a diretto contatto con le persone, una presenza in grado di prevenire eventuali reati e all’occorrenza reprimerli”.

A Piacenza gli agenti garantiscono un presidio h24: “Soffriamo come tutti gli uffici la carenza di personale, anche se a livello di città periferiche siamo tra le sezioni più numerose insieme al capoluogo”.

“Piacenza – ribadisce Altieri – è una stazione sicura. Anche furti e borseggi, in netto calo a livello generale, nella nostra città sono quasi scomparsi; il consiglio in questi casi è di prestare particolare attenzione quando si sale e si scende dai convogli, momenti preferiti dai malintenzionati per colpire”.

SIAP: “COMPLIMENTI ANCHE ALLE VOLANTI” – “Anche noi del Siap – afferma il segretario provinciale del sindacato Sandro Chiaravalloti – vogliamo complimentarci per il forte incremento dei controlli con tutto il personale della Polfer che ha dimostrato responsabilità e abnegazione e ha dato ragione al fatto che quando il clima è sereno, grazie a gestioni ponderate effettuate in questo periodo dal vice comandante, le motivazioni aumentano”.

“Un merito – prosegue – va dato anche alle volanti che durante gli orari serali e notturne, causa la chiusura del posto Polfer di piacenza dovuta allo scarso numero di personale sempre più in diminuzione e anziano, contribuisce notevolmente al controllo della stazione ferroviaria incrementando lo spazio da controllare”.

“Pertanto, ancora una volta, il Siap è costretto ad intervenire per dare a Cesare quello che è di cesare e completare, per il bene della polizia e per onor di verità, notizie che necessitano di integrazioni utili a dare lustro a chi davvero opera in prima linea di fatto e per sottolineare ancora una volta come la serenità del personale è cosa fondamentale per la sicurezza”. 

“Noi – conclude – continueremo a dire ciò che va e cosa non va, far apparire solo cose a metà lo troviamo controproducente e poco serio. In sostanza la questione sicurezza è sempre più in difficoltà, ma caso strano ci sono sempre notizie incomplete utili a dire che tutto va bene”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.