Tonno rosso, maxi sequestro della Finanza. Coinvolta anche Piacenza

Un migliaio gli esercizi commerciali coinvolti, che avevano acquistato e successivamente immesso sul mercato, anche inconsapevolmente, confezioni di tonno rosso recanti indicazioni geografiche difformi dalla reale origine del prodotto inscatolato (la Sardegna)

Più informazioni su

Oltre otto quintali di scatolette di tonno rosso sequestrate in 70 province italiane, fra cui quella di Piacenza, e cinque persone indagate per frode in commercio e contraffazione di indicazioni geografiche.

E’ il bilancio dell’operazione condotta dai miliari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di finanza di Cagliari.

Un migliaio gli esercizi commerciali coinvolti, che avevano acquistato e successivamente immesso sul mercato, anche inconsapevolmente, confezioni di tonno rosso recanti indicazioni geografiche difformi dalla reale origine del prodotto inscatolato (tonno rosso di corsa mattanzato nelle tonnare della Sardegna).

L’inchiesta era partita nei mesi scorsi con il sequestro di oltre 14,2 tonnellate di pesce, stoccate in quasi 35mila confezioni pronte per essere immesse sul mercato, le cui etichette di confezionamento, spiegano le Fiamme Gialle, riportavano indicazioni, sia organolettiche che di origine, difformi da quelle caratteristiche proprie del tonno effettivamente conservato.

Nella seconda fase dell’operazione sono stati individuati i rivenditori al dettaglio in tutta Italia per poi procedere al sequestro del prodotto illegalmente immesso in commercio.

Gli interventi hanno interessato simultaneamente ben 70 province: Ancona, Aosta, Arezzo, Asti, Bari, Bergamo, Belluno, Biella, Bologna, Bolzano, Brindisi, Brescia, Cagliari, Como, Cremona, Fermo, Ferrara, Firenze, Foggia, Forlì, Frosinone, Genova, Grosseto, Imperia, L’Aquila, La Spezia, Latina, Lecce, Lecco, Livorno, Lodi, Lucca, Massa Carrara, Mantova, Milano, Modena, Monza, Napoli, Nuoro, Oristano, Padova, Parma, Pavia, Pesaro, Pescara, Piacenza, Pisa, Pistoia, Pordenone, Prato, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Sassari, Siena, Sondrio, Torino, Trapani, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Verbania, Venezia, Verona e Vicenza.

All’operazione hanno partecipato 160 reparti territoriali del corpo, con il sequestro di oltre 821 kilogrammi di tonno rosso stoccato in 2.465 confezioni; è stata inoltre accertata l’immissione in commercio di quantitativi di tonno rosso in scatola con false indicazioni geografiche per oltre 61.700 kg.

“Il ritiro dal mercato del tonno, che non è nocivo per la salute del consumatore, – spiegano dalla Guardia di Finanza – è stato effettuato al fine di evitare che quest’ultimo sia erroneamente convinto di acquistare un prodotto “di nicchia”, non, nella circostanza, connotato dalle caratteristiche riportate sulla confezione di vendita”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.