Quantcast

Unioni civili, Cirinnà e Lo Giudice (Pd): “Illegittimo il rifiuto del Farnese a Piacenza”

La replica del Comune con l'assessore Buscarini: “Nessuna discriminazione, né disparità di trattamento tra matrimoni e unioni civili, non abbiamo bisogno di lezione in materia di rispetto dei diritti”

Più informazioni su

“Apprendiamo dalla stampa che il Comune di Piacenza non intenderebbe mettere a disposizione per le unioni civili la stessa sala utilizzata per i matrimoni”.

“Ricordiamo sommessamente al sindaco Paolo Dosi che la legge 76/2016 sulle unioni civili prevede al comma 20 che le disposizioni che si riferiscono al matrimonio ovunque ricorrono, non solo nelle leggi (come ad esempio il DPR 396/2000 sul Regolamento dello  stato civile che all’art.70 prevede che l’ufficiale di stato civile indossi la fascia tricolore) ma anche nei regolamenti e negli atti amministrativi, si applicano anche alle unioni civili.” Lo scrivono i due senatori Pd Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice.

Unioni civili, per chiedere di sposarsi il modulo sarà online

Il riferimento è alle parole dell’assessore Giorgia Buscarini riportate dal quotidiano “Libertà”: “Quella che ci apprestiamo a compiere non sarà una celebrazione ma una registrazione – ha affermato Buscarini, spiegando che che le unioni civili a Piacenza saranno sancite all’interno dell’Ufficio di Stato Civile in via Beverora.

“Il Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili del Comune di Piacenza, approvato dal consiglio comunale il 4 aprile scorso, – affermano i due senatori – prevede al comma 3 dell’art.1 che il matrimonio civile sia celebrato presso Palazzo Farnese o in altri luoghi da individuare con deliberazione della Giunta comunale”. 

“Si dà il caso però che il sito del Comune di Piacenza indichi come unica sede per la celebrazione dei matrimoni civili il Salone Pierluigi di Palazzo Farnese. È lì che andranno celebrate anche  le unioni civili. Ogni impedimento a questo diritto sarebbe illegittimo”.

“Speriamo – concludono – che il Comune di Piacenza intenda muoversi nell’ambito della legalità e non voglia essere esempio di quei trattamenti discriminatori che troverebbero comunque risoluzione in un’aula di tribunale”.

L’assessora Buscarini: “Nessuna discriminazione dal Comune” – “Nessuna discriminazione, né disparità di trattamento tra matrimoni e unioni civili”: l’assessora ai Servizi al Cittadino Giorgia Buscarini rifiuta con decisione le critiche rivolte all’Amministrazione comunale in tal senso, sottolineando “la provvisorietà, motivata dall’urgenza”, del provvedimento che destina la sede municipale di viale Beverora, anziché il salone Pierluigi di Palazzo Farnese, alla nuova formula prevista dalla legge Cirinnà.

“Credo che la normativa sulle unioni civili rappresenti un fondamentale passo in avanti per la tutela dei diritti della persona – sottolinea infatti l’assessora – ed è proprio per questo che il Comune di Piacenza intende adempiere da subito alla legge, dando già entro questo mese la possibilità, a chi lo aspetta da tanto, di sancire ufficialmente il proprio legame affettivo. E’ paradossale che questo sforzo di dare riscontro immediato alle nuove disposizioni, venendo incontro alle esigenze dei cittadini senza lungaggini, venga criticato anziché riconosciuto”.

“Ai senatori Cirinnà e Lo Giudice vorrei dire che se è importante lottare per la parità di trattamento di tutti i cittadini, superando gli steccati del pregiudizio e della burocrazia, altrettanto doveroso è fornire gli strumenti adeguati a chi ha il compito di attuare le nuove regole. Ancora una volta – prosegue Giorgia Buscarini – ai Comuni vengono attribuite funzioni aggiuntive, continuando nel contempo a tagliare le risorse economiche e umane”.

“L’ufficio competente – spiega l’assessora – oggi deve occuparsi non solo di matrimoni, ma anche di separazioni, divorzi e unioni civili. Con lo stesso personale che prima gestiva unicamente le nozze non religiose. Occorre tempo per riorganizzare la macchina amministrativa, ma abbiamo voluto dare sin d’ora una risposta concreta, mettendo a disposizione non uno spazio di serie B, ma una sala già destinata ai matrimoni: il nostro Regolamento cita esplicitamente non solo Palazzo Farnese, ma anche la casa comunale, che è la sede di viale Beverora”.

“Anche a nome del sindaco – conclude l’assessora Buscarini – ritengo che il Comune di Piacenza non abbia certo bisogno di lezioni o insegnamenti in materia di rispetto delle persone e dei loro diritti. Spiace doverlo ribadire per respingere accuse pretestuose e infondate”.

Sul tema intervengono anche Arcigay L.’A.T.OMO.,Agedo e Famiglie Arcobaleno: “Sappiamo già di alcune coppie che, dopo avere saputo della negazione del Salone Pierluigi, hanno minacciato di andarsi ad unire civilmente in Comuni meno problematici del nostro. Dove sanno per certo che verranno trattate al pari degli altri cittadini, e non come una sotto categoria che, in un’occasione così importante, deve subire l’umiliazione di vedersi relegata in qualche angusto ufficio comunale (con i testimoni e gli invitati al seguito, e sempre che nel suddetto ufficio possano tutti trovare posto)”.

“Vorremmo invitare chi di dovere – dicono – a rivedere le sue posizioni e a rivalutare l’incompatibilità del Salone Pierluigi con le Unioni Civili, e non tanto per la minaccia di azioni legali paventata da due Senatori della Repubblica, quanto per una questione di principio e di uguaglianza. Anche perché negare l’accesso al Salone Pierluigi ha un significato simbolico che va ben al di là della semplice fruizione di uno spazio prestigioso, e ha un retrogusto che ricorda epoche e situazioni che non dovrebbero più fare parte della nostra cultura e della nostra società”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.