Quantcast

A Bettola sequestrati 200 kg di carne di cinghiale “fuorilegge” foto

E’ stimata in circa 200 chilogrammi la quantità di carne di cinghiale che, nel pomeriggio di martedì 20 Settembre, i Forestali della Stazione di Bettola, al comando del Vice ispettore Gianluca Mancinelli, hanno impedito venisse  immessa nella filiera fuori da ogni controllo sanitario.  

E’ stimata in circa 200 chilogrammi la quantità di carne di cinghiale che, nel pomeriggio di martedì 20 Settembre, i Forestali della Stazione di Bettola, al comando del Vice ispettore Gianluca Mancinelli, hanno impedito venisse  immessa nella filiera fuori da ogni controllo sanitario.  

Nello stabile ad uso agricolo della media Valnure, utilizzato anche come punto di ritrovo per le attività venatorie, la presenza di una “cella frigo” di tipo professionale sia per dimensioni che  per tecnologia, ha suggerito agli Ufficiali di Polizia Giudiziaria del Corpo Forestale dello Stato, che le attività di macellazione non fossero estemporanee ma, purtroppo, con molta probabilità consequenziali ad ogni fruttuosa battuta di caccia.

L’ operazione di sequestro e deferimento alla Autorità Giudiziaria del Bettolese 60enne ritenuto responsabile, è scaturita a seguito di indagini inserite in un più ampio piano di controlli Regionali coordinati in loco dal Comando Provinciale di Piacenza.

“L’attività del Corpo Forestale dello Stato nel Piacentino, finalizzata ad indagare nell’ambiente delle macellazioni clandestine di cinghiali selvatici, – spiega una nota – già in passate operazioni di Polizia Giudiziaria ha messo in luce il fenomeno della macellazione e commercio illegale di carne essendo la stessa non sottoposta a visita ispettiva veterinaria e pertanto priva di bollatura sanitaria”.

Dagli uffici di via Caccialupo si sottolinea che l’obiettivo primario dei controlli è quello “di far emergere la carne di selvaggina che, abbattuta in ossequio al piano provinciale di eradicazione/selecontrollo, alle volte viene deliberatamente occultata alla vigilanza sanitaria in quanto oggetto di lavorazioni completamente abusive. L’elusione ai controlli è praticata al fine di ottenere una riduzione dei costi di sezionamento e di certificazione con il derivato ingiusto profitto economico; profitto che va invece a danno di quella filiera di operatori rispettosi delle normative”.

Il pacchetto igiene (Reg. CE 853/04), tra l’altro, include la caccia nella produzione primaria, qualora vi sia la volontà di immissione in commercio. E’ da intendersi con “immissione in  commercio”  anche la cessione in forma gratuita. ( Reg. CE 178/02). Il mancato rispetto di queste ed altre indicazioni normative viene punito dal D.Lgs. n. 193/07 e, nello specifico, chi effettua attività di macellazione di  animali, di produzione e  preparazione di carni in luoghi diversi dagli stabilimenti o dai locali a tale fine riconosciuti, rischia l’arresto da sei mesi ad un anno o l’ammenda fino a euro 150.000.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.