PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Chernobyl a Caorso, Claudio Arzani presenta il suo libro a Cerignale

Le storie di vita ‘sfiorate’ dalla tragedia della Storia, dagli effetti di quella nube radioattiva che fuoriuscì nella notte del 26 aprile 1986 dalla centrale nucleare per poi, portata dal soffio del vento, arrivare fino ai cieli del nostro BelPaese

Più informazioni su

Claudio Arzani a Cerignale sabato 17 settembre alle ore 21 con ‘Il soffio del vento – Da Chernobyl a Caorso trent’anni dopo’. Iniziativa promossa dal Comune di Cerignale e dalle Edizioni Pontegobbo

Ancora oggi, racconta Claudio Arzani nel suo libro, per i ragazzi bielorussi c’è una cosa vietatissima: mangiare i funghi che nascono nei boschi e nelle foreste della loro verde terra. Purtroppo, appunto a trent’anni di distanza dall’incidente nella centrale nucleare V.I. Lenin di Chernobyl, nei terreni risultano ancora presenti cesio ed altre sostanze radioattive con conseguenze sul ciclo alimentare e sulla salute specie dei giovani che hanno un sistema immunitario ancora in formazione.

“Per questo, commenta Arzani, la presentazione del libro sabato sera in Alta Val Trebbia, a Cerignale, in un ambiente incontaminato, assume un alto valore simbolico tanto più che questo avviene nello stesso giorno in cui a Pian dei Mulini dalle 10 alle 18 si svolge la Rassegna dei Prodotti della Montagna”.

Peccato che Cristina Roslaya, la ragazza bielorussa da anni ospite di Adele Mazzari nell’ambito dei programmi di accoglienza organizzati dall’associazione ‘le Rondini di Chernobyl’ di Piacenza, concluso ad agosto il periodo di permanenza in Valle, sia già rientrata nella sua terra, a Chojniky: “Lei coglie l’occasione del mese di permanenza proprio per gustare i piatti della nostra cucina e in particolare quelli con i nostri funghi”, come ha testimoniato nel libro Adele e certamente avrebbe gradito la serata e l’incontro con i prodotti dell’Alta Valle.

Insomma, sabato, presso il Centro di aggregazione sociale Don Gallo a Cerignale si annuncia un incontro, promosso dalla Municipalità e dalle Edizioni Pontegobbo (e grazie anche all’impegno di Paola Nobile) con le storie di vita ‘sfiorate’ dalla tragedia della Storia, dagli effetti di quella nube radioattiva che fuoriuscì nella notte del 26 aprile 1986 dalla centrale nucleare per poi, portata dal soffio del vento, arrivare fino ai cieli del nostro BelPaese, del resto d’Europa e ancora, del Nord Africa, Asia, Nord America.

Sarà il Sindaco, Massimo Castelli, ad introdurre la serata seguito dal dialogo tra l’autore Claudio Arzani e Adele Mazzari, già Preside del Comprensorio Scolastico di Bobbio. Per concludere Dalila Ciavattini proporrà letture di testi e poesie tratte dal libro con, in evidenza, la lirica “la foresta rossa di Chernobyl” recentemente premiata a Cortemaggiore al concorso promosso dall’associazione Hostaria delle Immagini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.