Dai problemi di coppia all’essere nonni, a La Ricerca ciclo d’incontri dedicati alla famiglia

Autunno ricco di appuntamenti a La Ricerca

Più informazioni su

“Insieme per sostenerci nei momenti di difficoltà e cogliere il senso della vita”.

E’ l’esortazione che accompagna il “pacchetto di iniziative” (gratuite e aperte a tutti) che volontari, genitori e operatori dei Servizi dell’Ascolto dell’associazione “La Ricerca” rivolgono al territorio alla luce delle crescenti richieste di consigli e sostegno che giungono quotidianamente nella sede della ultratrentennale onlus piacentina.

Richieste che arrivano da sempre più persone, di ogni provenienza ed estrazione sociale e culturale, giovani e meno giovani che faticano ad affrontare questioni importanti della loro vita: crisi di coppia, perdita di un proprio caro, mancanza di dialogo tra genitori e figli, forti carichi di responsabilità che gravitano sulle spalle di chi si prende totalmente (ed esclusivamente) cura di un proprio familiare non autosufficiente.

Nel ricco calendario di “risposte a questi bisogni” si trovano sia percorsi di auto-mutuo-aiuto sia incontri formativi su problemi più strettamente legati a tematiche familiari e di interesse educativo, relazionale ed esistenziale.

Il 29 settembre si parla di fedeltà. Si comincia dalla comunicazione nella coppia. Giovedì 29 settembre, alle 20,45 nella sede in Stradone Farnese 96, il prof. Domenico Bellantoni parlerà di “alta fedeltà”: “E’ possibile l’Hi Fi nella coppia?” – Come essere fedeli in amore”. Il noto psicoterapeuta docente presso l’Università Salesiana e La Sapienza di Roma, tornerà sul tema nella serata del 3 novembre (sempre alle 20,45, stessa sede): “Avere paura di innamorarsi troppo …-  Innamorarsi richiede coraggio e fiducia”.

Il 3 e 10 ottobre valore-nonni. Si resta, per così dire, in famiglia anche con le due conferenze della prof. Alessandra Augelli, docente di pedagogia della famiglia presso l’Università Cattolica di Piacenza. Titolo: “I Nonni: tra memoria e progetto”. Gli incontri sono in calendario sempre nella sede sullo Stradone Farnese, ma di pomeriggio, alle 17,30, lunedì  3 ottobre “Diventare nonni: dinamiche relazionali e nuovi equilibri da costruire” e lunedì 10 ottobre “La propria “eredità”. esistenziale: educare, fare memoria, rimettersi in gioco”.

Un laboratorio per raccontarsi e riflettere. Per altri due lunedì – il 14 novembre e il 5 dicembre – di sera (alle 20,45 nella sede “La Ricerca”)– chiunque fosse interessato a compiere un laboratorio di autoanalisi e crescita personale può partecipare gratuitamente alle due serate condotte dal prof. Paolo Giovanni Monformoso – “Nella trama del destino” e “Dal destino alla destinazione”  – appassionante e coinvolgente logoeducatore e antropologo clinico-esistenziale, esperto in relazione di aiuto in ambito sociosanitario ed educativo.

Colloqui per accedere ai gruppi di auto-mutuo-aiuto – In parallelo sarà possibile prenotare un colloquio per poter accedere ai gruppi di auto-mutuo-aiuto, la cui forza sta nel confronto e reciproco sostegno fra le persone – al massimo 6-7 per gruppo – che stanno attraversando situazioni esistenziali molto simili, come ad esempio chi ha perso un proprio caro, o genitori con figli in difficoltà, o che stanno attraversando un momento di crisi nella vita di coppia, o persone – i cosiddetti caregivers – che si prendono totalmente cura di un familiare non autosufficiente, o familiari di persone vittime del gioco d’azzardo patologico.  

Dal 10 ottobre percorsi di elaborazione del lutto. Per accedere ai percorsi di auto-mutuo-aiuto per il lutto occorre contattare per un primo colloquio il referente che è lo psicologo Sergio Bernazzani, counselor presso “la Ricerca” (cell. 335.6918182). Tra i temi su cui i partecipanti potranno riflettere insieme negli incontri serali che avranno cadenza quindicinale: individuazione dei propri sentimenti (dolore, nostalgia, paura) , rabbia, senso di colpa e solitudine: senza il timore del giudizio, riflettere su di sé ed accogliere il dolore della perdita, affrontare la vita che continua, stima di sé, abilità e risorse personali, nascita di nuove relazioni, vivere solitudine e sofferenza con dignità, stile di vita a sostegno della salute individuale, familiare e sociale.

Dal 7 novembre percorsi su “Essere genitori nella crisi di coppia”. Per accedere ai percorsi di auto-mutuo-aiuto rivolti a genitori in crisi (di coppia) occorre invece contattare per un primo colloquio la responsabile dei Servizi dell’Ascolto Anna Papagni (cell. 348.8557985). Tra i temi che saranno affrontati: “Le nostre ostilità agli occhi dei figli”, “Genitorialità da soli: … e oggi cosa mi invento?”, “Oltre noi … cosa provano i nostri figli?”, “Cooperazione: … insieme si può!”, “Rapporti di “qualità” per essere genitori”.

Per info: Anna Papagni Tel. 3488557985
Stradone Farnese, 96 · 29121 Piacenza tel. 0523 338710 · fax 0523 328903
ricerca@laricerca.net · www.laricerca.net

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.