Montale, autista indagato per omicidio. La Procura: “Nessun blocco in atto” foto

"Non era in atto un blocco - ha spiegato il Procuratore Cappelleri, smentendo alcune notizie circolate sulla stampa - e nessun dipendente dell'azienda ha incitato l'autista ad andare avanti" A Piacenza la conferenza in Procura 

Più informazioni su

Tragico investimento a Montale, la Procura della Repubblica di Piacenza smentisce le prime ricostruzioni dell’accaduto sulle basi dei filmati della video sorveglianza e della volante presente sul posto.

“Non era in atto un blocco – ha spiegato il Procuratore Salvatore Cappelleri, smentendo alcune notizie circolate sulla stampa – e nessun dipendente dell’azienda ha incitato l’autista ad andare avanti (come riferito da alcune testimonianze ndr.)”.

“Il camion era in uscita c’è stata una manovra molto lenta in situazione di assenza di blocco; ad un centro punto la vittima è andata verso il camion: questi sono gli elementi ricostruiti con certezza. “Ora l’esito dell’autopsia e i rilievi scientifici saranno fondamentali per ricostruire l’esatta posizione della vittima e del camion anche per capire se l’autista poteva vedere o meno la persona investita”.

Cappelleri ha incontrato la stampa insieme al pubblico ministero Emilio Pisante, titolare delle indagini, al vicequestore Maria Elisa Mei e a Stefano Vernelli, capo di gabinetto della questura.

L’INTERVISTA AL PROCURATORE CAPPELLERI

L’autista, 43enne cittadino italiano, risulta indagato per omicidio colposo ed è stato posto in libertà questa mattina: l’alcoltest al quale è stato sottoposto ha dato esito negativo. “Si è accorto di quanto accaduto solamente quando è stato aggredito con armi rudimentali dai manifestanti – riferiscono gli inquirenti.

“Il camion era in uscita, stava svoltando a destra, e in quel momento sarebbe comparsa questa persona, non frontalmente ma lateralmente. La volante non è stata in grado di avvisare nè l’investito né il camionista”.

“Sappiamo che ci sono versioni differenti, ma sul posto erano presenti degli agenti”. “L’indagine – hanno concluso – prosegue a 360 gradi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.