Tangenziale di San Polo, Foti (FdI-An): “Stallo intollerabile, quando ripartono i lavori?”

Sottosegretario Rossi: "l'opera rientra fra gli interventi sulla viabilità di raccordo alla A21"

Più informazioni su

La realizzazione della variante della Strada provinciale numero 6 di Carpaneto (tra Crocetta e San Giorgio, Piacenza), ferma da tre anni dopo la costruzione di opere per 12 milioni di euro, pari al 33% del valore di quelle previste, è oggetto di un question time rivolto alla Giunta regionale da Tommaso Foti (Fdi-An).

Il capogruppo chiede “quali iniziative abbia assunto la Giunta nei confronti del Governo affinché sia concluso l’iter procedurale per l’affidamento della concessione autostradale A21 Piacenza-Brescia al soggetto aggiudicatario, ponendo così termine a una situazione di stallo non più ulteriormente tollerabile e consentendo la ripresa dei lavori”.

Al question time ha risposto Andrea Rossi, sottosegretario alla Presidenza, evidenziando come la Regione abbia “costantemente monitorato, presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, l’iter di approvazione della Convenzione riguardante la gestione del collegamento autostradale ‘A21 Piacenza-Cremona-Brescia e diramazione per Fiorenzuola d’Arda’ e la gestione e realizzazione di nuovi interventi connessi, rinnovando la disponibilità a offrire la massima collaborazione al fine di risolvere eventuali criticità”.

Il sottosegretario, inoltre, ha ricordato come la bretella di Castelvetro Piacentino sia compresa nel quadro delle opere infrastrutturali ritenute prioritarie per la Regione. Infine, in merito alla variante di Carpaneto, Rossi ha sottolineato come “l’opera rientra negli ‘Interventi sulla viabilità di adduzione (raccordo ndr) alla A21 in Piacenza’”.

Foti si è dichiarato “insoddisfatto della risposta”, in quanto “incentrata sulla situazione della bretella di Castelvetro Piacentino che non era oggetto del quesito”.

In relazione alla variante di Carpaneto, il consigliere ha ribadito come l’opera sia inserita nel piano economico finanziario approvato da Autostrade centro padane spa, concessionario che agisce in regime di proroga da oltre un anno. Tale variante potrà vedere la ripresa dei lavori, così come la bretella di Castelvetro Piacentino, solo quando il nuovo concessionario, il raggruppamento temporaneo d’imprese costituito da Satap spa e Itinera spa, e il ministero delle Infrastrutture sottoscriveranno la nuova convenzione.

“Mi preme ricordare”, ha concluso il capogruppo, che “ci sono interventi di manutenzione straordinaria sull’autostrada Piacenza-Brescia (A21) non più differibili che l’attuale concessionario non è titolato a svolgere per i quali è opportuno sollecitare il rapido subentro del nuovo soggetto gestore”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.