Quantcast

Tutto pronto per la Granfondo Scott, attenzione alla viabilità

Tutto pronto per la terza edizione della Granfondo Scott di Piacenza, la manifestazione ciclistica che andrà in scena domenica 4 settembre.

Più informazioni su

Tutto pronto per la terza edizione della  Granfondo Scott di Piacenza, la manifestazione ciclistica che andrà in scena domenica 4 settembre.

Attenzione alle modifiche alla viabilità di città e provincia per la durata della competizione. LEGGI QUI TUTTE LE MODIFICHE ALLA CIRCOLAZIONE

La viabilità cittadina – Per consentire lo svolgimento della manifestazione ciclistica Granfondo Scott, dalle ore 7 di domenica 4 settembre, sino al termine dell’evento, nei momenti di passaggio dei partecipanti alla gara sarà vietata la circolazione lungo l’attraversamento di via Caorsana, in ingresso e in uscita dalla Tangenziale, Strada alla Verza, via Leonardi (Pittolo), Strada Agazzana, Strada Bobbiese e via Tirotti (Piacenza Expo).

In aggiunta, in via Fornari sarà istituito il senso unico di marcia con direzione S.S. 45 Strada provinciale Valnure. Il traffico sarà regolato dalla Polizia Stradale e Municipale, in collaborazione con il Servizio tecnico della kermesse. 

LA MAPPA INTERATTIVA DEL PERCORSO LUNGO

La nota stampa – Dalla Val Tidone e dalle sue dolci colline segnate dalle viti, alla Val Trebbia verdeggiante e stretta nel suo alternarsi di meandri del fiume, dalla Val Nure con le sue cime che si innalzano in un susseguirsi di speroni rocciosi, laghetti, prati e boschi, alla Val d’Arda che si apre con tracce ben conservate del mare preistorico che un tempo in parte la ricopriva. S

Senza dimenticare il Po e la Bassa Piacentina, una terra traversa, dominata dai ritmi di piena e di secca del Grande Fiume. Natura, città d’arte (Bobbio, Castell’Arquato, Grazzano Visconti e Vigoleno), castelli, sport e sapori. Il percorso della Granfondo vedrà pedalare i ciclisti per 140 chilometri e affrontare 2262 metri di dislivello.

Partenza alle ore 9,30 dal Piacenza Expo e dopo quindici chilometri i partecipanti transiteranno a Gossolengo comune in cui trascorse la sua infanzia la cantante Nina Zilli, abitato fin dall’antichità, dal Paleolitico, come dimostrano i reperti archeologici ritrovati, tra cui l’importantissimo fegato etrusco trovato in zona centocinquant’anni fa e databile II sec. a.C., attualmente conservato nel Museo Civico di Piacenza, che serviva agli aruspici per interpretare i segni del cielo.

La prima ascesa di giornata affrontata dai ciclisti è quella che conduce a Momeliano, edificato ad una altezza di circa 340 metri sul livello del mare sulle colline che dominano la Val Luretta, in una zona le cui origini risalgono addirittura all’epoca romana, come testimoniano i numerosi ritrovamenti archeologici.

Terminata la prima fatica coloro che danno vita alla prova regina dell’evento, la Granfondo, raggiungeranno Travo per iniziare l’ascesa al Passo della Caldarola. Quattordici chilometri di salita che pur non proponendo pendenze particolarmente impegnative peserà comunque sulle gambe dei ciclisti, vista la lunghezza.

La seguente discesa verso Mezzano Scotti, che arriva a metà gara, richiede comunque un grande dispendio di energie nervose prima di iniziare la scalata agli 873 metri della Cima Coppi della gara che conduce a Schiavi. Salita lunga e impegnativa che sale in un continuo aumento delle pendenze.

Un percorso collinare che ricalca le caratteristiche orografiche di questo territorio alternando salite e discese. La discesa verso Pecorara per tornare a salire verso Rocca d’Olgisio “Arx impavida del piacentino” uno dei complessi fortificati più antichi e suggestivi che domina le valli solcate dai fiumi Tidone e Chiarone.

Presso il B&B di Rocca d’Olgisio il fortunato ciclista che verrà estratto a sorte il giorno della gara, tra i primi duecento ciclisti, potrà trascorrere un rilassante soggiorno. Neanche il tempo di godersi lo spettacolo che la natura propina a chi raggiunge Rocca d’Olgisio che si scende verso Pianello Val Tidone per poi affrontare le più severe pendenze verso Azzano. Prima di tornare a Piacenza Expo, attraversando Montecanino, Gazzola e Rivalta, dove si chiude una delle ultime fatiche stagionali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.