San Damiano, Bergonzi (Pd): “Apertura a vari progetti, tocca al territorio”

Il deputato piacentino rende nota la risposta ad una sua interrogazione al Ministro della Difesa dove si legge che "la Forza armata è favorevole a valutare future istanze del territorio, volte a promuovere nuove realtà di sviluppo dell’economia, della cultura e della qualità della vita dei cittadini”

Più informazioni su

“La destinazione futura di un’infrastruttura così importante non solo per i comuni direttamente interessati, ma per l’intero territorio piacentino non può che essere in cima alle priorità d’azione sia di chi riveste ruoli pubblici, sia degli operatori economici e non; insomma di tutti coloro che a vario titolo, possono ed intendono dare un contributo positivo al futuro dell’Aeroporto di San Damiano e conseguentemente al benessere del nostro territorio”.

S. Damiano, servono un piano e i soldi. Ma forse non basteranno

Lo afferma il deputato piacentino Marco Bergonzi (Pd), che annuncia la risposta ad una sua interrogazione al Ministro della Difesa presentata alcuni mesi fa in previsione della riorganizzazione del 50° Stormo in Comando Aeroporto: “Nell’interrogazione – spiega Bergonzi – richiamavo quanto emerso durante l’incontro svoltosi in Prefettura il 2 Febbraio 2015 con i Rappresentanti dell’Aeronautica Militare, nella quale era stata prefigurata la “possibilità di valutare progetti alternativi da realizzare nella struttura aeroportuale”.

 

“Ritengo molto positivo – evidenzia – il dibattito che ultimamente si sta sviluppando, che non solo fa si che a questo tema si riservi l’attenzione che merita, ma anche che mi pare registri una sostanziale unità di intenti tra i vari soggetti che si stanno impegnando, inclusi, cosa non scontata, i rappresentanti istituzionali di forze politiche diverse”.

Nella risposta resa dal Sottosegretario alla Difesa, On.Gioacchino Alfano, oltre a confermare che: “è prevista la permanenza nel medio-lungo periodo di personale, per assicurare il mantenimento delle infrastrutture dell’aeroporto e dei relativi comprensori alloggiativi”, si citano i “contatti avviati con le autorità locali per trovare, appunto insieme, possibili soluzioni per l’utilizzo dell’infrastruttura”.

“Ciò che mi pare maggiormente significativo – fa notare il deputato piacentino – è che si afferma che: “La Forza armata è favorevole a valutare future istanze del territorio, volte a promuovere nuove realtà di sviluppo dell’economia, della cultura e della qualità della vita dei cittadini”.

 
“Il che – osserva Bergonzi – oltre a confermare la già manifestata disponibilità ad un possibile utilizzo misto dell’Aeroporto, apre anche ad altre progettualità in differenti ambiti. Volutamente non ho incentrato la domanda esclusivamente sull’utilizzo civile dell’aeroporto, in quanto, se per qualsiasi ragione non dipendente dal Ministero della Difesa, non dovesse rivelarsi realizzabile, è importante sapere che potremmo contare sulla disponibilità della Difesa anche per altri utilizzi. Naturalmente tocca al territorio piacentino fare proposte e progetti per il futuro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.