Come cambia la famiglia: il 37% unipersonali, boom di quelle “miste” (+10%)

Cala il numero delle famiglie in provincia di Piacenza e il 37 per cento sono unipersonali, ovvero con un solo componente. Crescono invece le famiglie "miste" composte da italiani e stranieri. Sono alcuni dei dati che emergono dall'analisi di Piacenza Economia

Più informazioni su

Cala il numero delle famiglie in provincia di Piacenza e il 37 per cento sono unipersonali, ovvero con un solo componente. Crescono invece le famiglie “miste” composte da italiani e stranieri, segno di maggiore integrazione. Sono alcuni dei dati che emergono dall’analisi compiuta da Piacenza Economia, la rivista online realizzata dalla Provincia di Piacenza, dalla Camera di Commercio e dall’Università Cattolica. 

I dati elaborati provengono dalle anagrafi comunali e sono contenuti nel database della Regione Emilia-Romagna le caratteristiche delle famiglie piacentine, secondo alcune dimensioni quali il numero di componenti, la presenza di stranieri e la distribuzione territoriale a livello comunale.

IN CALO LE FAMIGLIE – I nuclei famigliari residenti in provincia di Piacenza al 1° gennaio 2016 sono 129.485, e rappresentano con ciò lo 0,6% del totale regionale (quasi 2 milioni). Rispetto al 2012 essi sono diminuiti di oltre 900 unità (-0,7%), mentre a livello regionale la dinamica è stata positiva, con un incremento dello 0,3% (+6.098 famiglie).

LE FAMIGLIE UNIPERSONALI CRESCONO – Le famiglie unipersonali (quelle con un solo componente, per lo più anziano), seguendo un andamento generalizzato dovuto al progressivo invecchiamento della popolazione, aumentano infatti ulteriormente in provincia nel periodo in esame (circa 700 in più, +1,5%, arrivando a 48 mila circa), e costituiscono oramai il 37% delle nuclei piacentini.

VITA IN COPPIA – Sono invece il 28% (36.800) le famiglie composte da due persone (coppie senza figli, genitore e figlio/a,….), in calo dell’1%. In contrazione risultano anche i nuclei famigliari con 3 componenti (oggi 23.300), circa mille in meno rispetto al 2012 (-4,1%, il calo maggiore tra quelli osservati), così come quelli con 4 persone (-1,9%, – 300 circa).

LA FAMIGLIA TRADIZIONALE IN CRISI – E’ quindi la famiglia “tradizionale” (genitori ed 1-2 figli) quella che subisce le flessioni più significative. Si discosta invece da questo andamento il gruppo delle famiglie più numerose, con 5 e più componenti, in crescita non solo a livello locale (+1,6%) ma anche e soprattutto a livello regionale (+3%).

FAMIGLIE STRANIERE – La presenza di famiglie con componenti stranieri è rilevabile anche in questo caso per l’ultimo anno disponibile (2016), mentre il confronto temporale è possibile solo rispetto all’anno precedente (2015), mancando gli altri. I nuclei famigliari piacentini composti da soli stranieri risultavano all’inizio di quest’anno 12.730, rappresentando il 9,8% del totale (il 9,4% in regione); a questi si aggiungono i nuclei composti sia da stranieri che da italiani, 4.104 unità pari al 3,2% (3,1% in regione). 

BOOM DI FAMIGLIE “MISTE” – Mentre però i primi sono in diminuzione del 2,1% rispetto al 1° gennaio 2015, in linea con la dinamica negativa 2016-2015 registrata (per la prima volta) per la popolazione straniera residente, i secondi sono invece in crescita di quasi un 10% medio, e testimoniano con ciò il processo di progressiva integrazione degli stranieri che vivono sul nostro territorio attraverso la costituzione di famiglie ”miste”: + 4% quelle con 2 componenti, +7% quelle con 3 componenti, +9% quelle con quattro, +18% quelle con cinque e +24% infine quelle con 6 componenti e più.

Da sottolineare anche che la crescita complessiva delle famiglie con 5 e più componenti è dovuta solo all’aumento delle famiglie miste, dal momento che le famiglie di questo tipo composte da soli italiani e/o da soli stranieri diminuiscono, sia a Piacenza che in Emilia-Romagna.

SCARICA IL REPORT INTEGRALE CON I DATI PER COMUNE 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.