I commercianti spiegano come orientarsi nel mondo del e-commerce foto

Nella giornata di ieri, giovedì 3 novembre, si è tenuto alla Confcommercio un convegno organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori del Commercio dell’Unione Commercianti Piacenza dal titolo “E-commerce Why not!”

Più informazioni su

Giovedì 3 novembre, si è tenuto alla Confcommercio un convegno organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori del Commercio dell’Unione Commercianti Piacenza dal titolo “E-commerce Why not!”, i cui contenuti sono ruotati intorno a due domande principali: Cosa dovrebbero fare i negozi per esaltare l’esperienza di acquisto dei propri clienti e sopravvivere con successo nell’era di internet? Ed ancora come misurare le performance di un negozio sul web?.

All’incontro erano presenti Raffaele Chiappa, Presidente dell’Unione Commercianti Piacenza, Michela Gandolfi Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori, Fabio Fulvio Responsabile Settore Politiche per lo Sviluppo di Confcommercio Imprese per l’Italia e Tareq Rajjal, Country Manager di Amazon Logistica Italia ed il Direttore dell’Unione Commercianti Giovanni Struzzola.

Raffaele Chiappa  ha inizialmente sottolineato come “l’Associazione stia programmando la realizzazione di seminari, incontri e corsi di formazione tecnici dedicati e progettati per far conoscere le regole basilari di questa nuova tipologia di vendita , ma anche su altri argomenti di estrema attualità quale l’utilizzo e la gestione dei social network, la creazione di mailing list, il web marketing, tutte iniziative che troveranno attivazione concreta nei prossimi mesi”.

Grande soddisfazione per la partecipazione all’incontro è stata espressa dal Presidente dei Giovani, Michela Gandolfi che ha evidenziato che “proprio come giovani imprenditori si è sentita molto forte la responsabilità di organizzare questo incontro per far conoscere il mondo certamente complesso dell’e-commerce, una nuova tipologia di vendita che sta nettamente stravolgendo il modo tradizionale di vendere off-line”.

Nel suo intervento il Presidente dei Giovani Gandolfi ha altresì evidenziato “come sia importante comprendere, come commercianti, il perché il cliente sceglie di acquistare on-line rispetto al negozio tradizionale scoprendo che non sempre la motivazione è il prezzo più conveniente, ma giocano anche altri fattori quale la comodità di non muoversi per fare l’acquisto, poter comprare a qualsiasi ora del giorno, scegliere una merceologia molto più vasta, leggere le recensioni di altri consumatori sul prodotto che si vorrebbe acquistare e da ultimo avere la consegna a domicilio del prodotto in tempi rapidi”.

Per la Gandolfi, l’incontro “dovrebbe aiutare i nostri colleghi commercianti e fornire loro le giuste risposte nonché dotarli degli strumenti idonei per avvicinarsi all’e-commerce in modo proficuo”.

Fabio Fulvio, responsabile Settore Politiche Sviluppo di Confcommercio, ha presentato inoltre il volume “Il negozio nell’era di Internet” della collana Le Bussole, ovvero “una guida per orientarsi nel passaggio dal commercio tradizionale a quello on-line”, evidenziando “come sempre più consumatori, soprattutto giovani, dopo aver provato in negozio alcuni prodotti li acquistano in e-commerce”.

Quindi, Fulvio, nel suo intervento ha sottolineato “come il mondo di internet ed il suo utilizzo in mobilità, anche e soprattutto nei negozi, rappresenti una rivoluzione nella rivoluzione, tanto che alcuni superficialmente immaginano un futuro dove tutti gli acquisti saranno fatti on-line, ma non sarà poi cosi se i negozi sapranno anche essi cavalcare i punti di debolezza delle vendita on-line, quali la mancanza di contatto umano, la professionalità di chi vende e dà consigli, il toccare con mano e poter provare l’articolo dal vivo”.

 Per l’autore della pubblicazione, la guida “è stata congeniata per dare suggerimenti e strategie off-line (cosa fare nel negozio) e on-line (cosa fare nel web) per poter sopravvivere con successo nell’era di internet”.

Sono stati perciò illustrati gli indici di misurazione delle performance di un negozio ed i suggerimenti per la selezione, gestione e formazione del personale, l’asset più importante di un’attività di servizio come il commercio al dettaglio. E’ stata poi la volta dell’intervento del Country Manager Amazon, Tareq Rajjel, che ha illustrato la storia di Amazon dalla nascita in un garage di Seattle ad opere di Jeff Beros nel 1994 alla nascita dello stabilimento nel nostro territorio a Castel San Giovanni nel 2011, ampliato successivamente nel nuovo MPX5.

Rajjel ha dettagliato come le vendite in Italia si aggirino attorno al 3%, l’indice più basso tra i Paesi dell’Europa, ma anche come il trend di crescita positivo in generale e molto soddisfacente per Amazon. Nel suo intervento, il Country Manager ha sottolineato “come la filosofia vincente di Amazon si basi sulla soddisfazione del cliente che rimane sempre al centro dell’attenzione e come la continua ricerca e sperimentazione di nuovi servizi/prodotti sia la sfida quotidiana che Amazon affronta per rimanere ai vertici dell’e-commerce”.

Sono state presentati anche due testimonianze di commercianti tradizionali che hanno affrontato l’e-commerce basandosi sulla piattaforma Amazon, Bruno Neri e Marco Gandolfi che hanno evidenziato pregi e difetti dell’e-commerce convenendo però che “con i dovuti contenuti imposti dell’esperienza, il risultato è stato senza dubbio interessante e proficuo per il fatturato dell’azienda tradizionale”.

L’incontro è stato chiuso dal Direttore dell’Unione Commercianti, Dott. Struzzola che si è detto soddisfatto dei contenuti dell’incontro e del format utilizzato, complimentandosi con il Presidente Chiappa e con la Presidente ed il Consiglio dei Giovani per l’attualità dell’argomento che ha visto una forte ed attenta partecipazione di commercianti. Inoltre ha invitato chi fosse interessato ad approfondire l’argomento a partecipare ad una visita allo stabilimento di Amazon gentilmente accordata da Rajjel e che l’Unione vedrà di organizzare al più presto e di segnalare il loro interesse contattando gli Uffici al numero 0523 461811.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.