Anpi, domenica omaggio ai partigiani caduti ai Guselli

Dalle 11 al Museo della Resistenza della Sperongia si terrà una conferenza a cura di Franco Sprega, direttore del museo su “ La famiglia Tanzi in Val d’Arda: una storia fra cooperazione, antifascismo e Resistenza”.

Più informazioni su

L’Anpi omaggia i 50 martiri partigiani caduti al Passo dei Guselli e alla Rocchetta.

Domenica 11 dicembre, a partire dalle ore 10 presso Passo Guselli, interverranno il sindaco di Morfasso, Paolo Calestani e il presidente dell’Anpi prov.le di Piacenza, Stefano Pronti. Dalle 11 poi al Museo della Resistenza della Sperongia si terrà una conferenza a cura di Franco Sprega, direttore del museo su “ La famiglia Tanzi in Val d’Arda: una storia fra cooperazione, antifascismo e Resistenza”.

Quest’anno alla tradizionale manifestazione promossa dall’Anpi per ricordare il drammatico e sanguinoso rastrellamento nazi-mongolo dell’inverno 1944-’45 e rendere omaggio ai cinquanta caduti partigiani nel territorio di Morfasso, è abbinata, nei locali del Museo della Resistenza piacentina, una conferenza per ricordare il contributo alla lotta antifascista di una famiglia originaria di Chiaravalle di Alseno, i Tanzi.

La famiglia era composta da il padre Eugenio, precursore del movimento di cooperazione economica fra i lavoratori, ucciso dai fascisti nell’ottobre del 1922, ed i tre figli promotori e protagonista della lotta di Liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo, Arnaldo, Commissario politico della Divisione partigiana Val d’Arda a fianco di Giuseppe Prati, Bruno, ispettore del Comando partigiano Nord-Emilia, Luigina, organizzatrice delle staffette partigiane della Val d’Arda.

A conclusione della conferenza è previsto un pranzo in compagnia presso la Trattoria Birri di Monastero: chi è interessato deve, entro venerdì 9 dicembre, dare la propria adesione telefonando al 3485153199 (Repetti)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.