Borgo FaxHall “L’amministrazione mantenga le promesse”

Come in una lettera a Babbo Natale, il Consiglio di Amministrazione del centro commerciale Borgo FaxHall, si rivolge all’Amministrazione comunale di Piacenza e stila la sua lista di desideri

«Abbiamo creduto in un progetto. Continuiamo a farlo oggi e vogliamo crederci anche domani». – La nota stampa

Come in una lettera a Babbo Natale, il Consiglio di Amministrazione del centro commerciale Borgo FaxHall, si rivolge all’Amministrazione comunale di Piacenza e stila la sua lista di desideri. Una lista che, a guardar bene, è la stessa da oltre quindici anni a questa parte.

Nessun regalo, nessuna richiesta di fastasmagorici balocchi, nessuna caramellina per addolcire la bocca, solo una cristallina richiesta: mantenete le promesse fatte.

«E di promesse, in 15 anni, ne sono state fatte tante». Massimo Dallavalle, membro del Cda e titolare dell’Edicola di piazzale Marconi, quando la galleria commerciale ha alzato le saracinesche la prima volta, era tra i commercianti che hanno accettato la sfida.

«Come l’accetto tutti i giorni, perché noi siamo qui a lavorare, a offrire servizi per i cittadini, i pendolari, gli studenti, siamo qui e creare lavoro ogni singolo giorno. Senza andare a scomodare le tante parole spese negli anni passati da chi si è avvicendato sulla poltrona di sindaco, oggi a Paolo Dosi e alla Giunta chiediamo due semplici cose: portare a compimento il trasferimento degli Uffici Comunali e dell’Autostazione degli Autobus.

Niente di impossibile visto che gli uffici dovevano già essere attivi e operativi in galleria da alcuni mesi, ma non così non è. Lo stesso dicasi per l’Autostazione. Non possiamo accontentarci della soluzione provvisoria in via dei Pisoni, tanto meno del corsello di collegamento. Non basta disegnare una riga per terra per creare un’area di transito sicura. Servono strutture adeguate e percorsi protetti. Così com’è il corsello è inutile, un po’ perché non è sicuro, un po’ perché invaso dalla auto».

Se Palazzo Mercanti latita, non lo fanno gli imprenditori che nel centro commerciale hanno investito e creano lavoro. Come Fabio Calabrese, membro del Cda e a cui fanno capo i McDonald’s di Piacenza e Stradella

«Per noi Borgo FaxHall è un progetto in cui abbiamo creduto e continuiamo a credere. Poche settimane fa abbiamo inaugurato qui al centro commerciale l’unico McCafè della Provincia di Piacenza rinnovando completamente il locale e inserendo nel nostro organico il 20 per cento in più di personale. Borgo Faxhall, quindi, è un luogo in cui si creano opportunità e prospettive di lavoro in un momento di crisi economica ancora importante.

Abbiamo creduto alle promesse di questa Amministrazione comunale e riteniamo di aver ben riposto la nostra fiducia, ma ora è arrivato il momento di tirare le somme. Siamo pronti a investire forze economiche e personali, ma non possiamo essere abbandonati a noi stessi».  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.