Quantcast

Canottaggio, con Guido Ciardi la Nino Bixio ha trovato una stella

Ormai diventato la punta di diamante della squadra biancazzurra, il classe '96 Guido Ciardi è stato una sorpresa assoluta per tutti quanti, compreso se stesso, che soltanto 12 mesi fa cercava il giusto feeling con il suo singolo.

Più informazioni su

Nel bilancio finale di questo 2016 della Nino Bixio spiccano i 3 titoli tricolori (mancavano da ben 10 anni nella bacheca biancazzurra) che Guido Maria Ciardi, allenato da Franco Valisa e da Tommaso Rossi, si è messo al collo, per la grandissima soddisfazione del Presidente Mario Bonvini e il Consigliere e direttore sportivo Pietro Lambri, oltre a tutti gli altri membri del Direttivo.

Ormai diventato la punta di diamante della squadra biancazzurra, il classe ’96 Guido Ciardi è stato una sorpresa assoluta per tutti quanti, compreso se stesso, che soltanto 12 mesi fa cercava il giusto feeling con il suo singolo.

Arrivato dal nuoto già con un ottimo stato di forma fisica (ranista per molti anni, aveva raggiunto le finali nazionali), inizialmente aveva mostrato qualche difficoltà nel governare un’imbarcazione di appena 14 kg (rispetto ai suoi 90 kg), lunga circa 8 metri e larga meno di 30cm; nonostante il radicale cambiamento nelle sue giornate, con il passaggio improvviso da ottimo studente delle scuole superiori a Lodi dove abita, a lavoratore come operaio in una nota azienda locale e studente universitario presso l’Ateneo di Pavia, l’atleta è però riuscito a trovare il tempo per inserire ben 9-10 allenamenti in ogni settimana, cosa che gli ha permesso di raggiungere traguardi incredibili.

Ciardi ha infatti dominato incontrastato nel singolo della categoria Esordienti vincendo prima il tricolore indoor a San Miniato il 10 gennaio, successivamente il Campionato Nazionale Universitario a Genova il 28 maggio, e poi il Campionato Italiano a Gavirate l’11 giugno. Tuttavia, se queste regate costituivano l’obiettivo più concreto per Ciardi, ancora più sorprendenti sono stati i risultati nelle categorie Assolute: non era mai successo che un esordiente raggiungesse una finale agli Assoluti nella specialità regina del canottaggio.

A Ravenna infatti il 25 giugno, a 9 mesi dall’inizio dell’attività remiera, contro i migliori specialisti a livello nazionale, molti tesserati per corpi militari in cerca del pass olimpico, Ciardi è riuscito ad aggiungere un’altra perla con il terzo posto al Campionato Italiano Societario di Candia, sempre nel singolo senior.

Questi risultati lo proiettano nell’elitè del canottaggio italiano, e permettono a Valisa e allo staff biancazzurro di sperare per il prossimo anno in una convocazione per vestire la maglia azzurra, che appare sempre più vicina.

Se Ciardi rappresenta il presente, il futuro per il canottaggio della Nino porta il nome di Riccardo Filace, che si è distinto nella categoria cadetti (14 anni) sia a livello regionale in cui si è confermato ai vertici nella specialità del singolo, sia a livello nazionale, vincendo complessivamente 4 ori, 3 argenti e 3 bronzi.

Risaltano in particolare le prove al Festival dei Giovani di Sabaudia, regata di livello nazionale da cui è tornato con 2 argenti; e al Trofeo delle Regioni, regata riservata ad atleti selezionati per merito dalle varie delegazioni regionali, in cui Filace ha regalato l’unica medaglia per l’Emilia-Romagna, bronzo, nella specialità più affollata, il doppio, insieme a Matteo Rinaldi del CUS Ferrara.

Altre medaglie sono poi arrivate dai senior Luca Tiari, Pietro Labò e Tommaso Rossi, e ottimi piazzamenti per Francesco Rossetti nella categoria junior (17-18 anni), da sempre la più affollata. La squadra è completata poi da Matilde Bruschi, Matilde Maffi, che quest’anno non hanno partecipato a competizioni, e finalmente dal settore master che è rinvigorito soprattutto nei numeri: Paolo Capriglione, Giovanni Beretta, Antonella Lisè, Capurri Claudio e Diego, Maccagni Francesco e Stefano, Marco Sivelli, Davide Tonello, Affinito Ciro, Sergio Trabacchi, Pietro Lambri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.