Quantcast

In fuga sulla 500 rubata a Lugagnano, inseguiti e bloccati

Un 23enne di Lugagnano è stato arrestato per furto aggravato in concorso e un 24enne marocchino è stato invece denunciato a piede libero con le stesse accuse

In fuga sulla Fiat 500 rubata ad un pensionato di Lugagnano (Piacenza), vengono inseguiti e bloccati dai carabinieri.

Nei guai sono finiti due giovani, entrambi residenti nel paese della Valdarda: un 23enne italiano, arrestato per furto aggravato in concorso e un 24enne marocchino, denunciato a piede libero con le stesse accuse. 

Il furto è avvenuto nella serata di martedì 20 dicembre; a lanciare l’allarme il proprietario della vettura, che l’aveva lasciata posteggiata vicino ad un bar di Lugagnano.

I militari hanno iniziato a contrallare la zona, intercettando la 500 all’altezza della località di Madonna del Piano. I fuggitivi, alla vista delle pattuglie dei carabinieri della stazione di Luganano e del Radiomobile di Fiorenzuola, hanno tentato invano di far perdere le proprie tracce.

L’inseguimento ha costretto i ladri ad abbandonare l’auto rubata lungo la strada; il guidatore è riuscito a scappare nei campi circostanti mentre il ragazzo che si trovava sul sedile del passeggero, già noto per precedenti di polizia, è stato bloccato e ammanettato.

Le successive indagini hanno permesso alle forze dell’ordine di risalire all’identità del complice e di denunciarlo. Il 23enne finito agli arresti comparirà in tribunale per il processo per direttissima. L’auto rubata è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.