Quantcast

Quinto successo per la Bakery: battuta Milano (65-85)

Piacenza torna dalla trasferta milanese con altri due punti in classifica e mantiene la vetta, iniziando nel migliore dei modi la serie di tre partite nell'arco di una settimana.

Più informazioni su

Urania Milano 65-85 Bakery Piacenza (18-26, 31-43, 55-59)

Milano: Vurchio NE, Laganà 12, Restelli, Lazarov, B+artoli 16, Spinetto, Gorla 21, Ingrosso 16, Sedazzari NE. All. Montefusco

Piacenza: Sanguinetti 13, Soragna NE, Rezzano 10, Guerra 2, Tempestini 6, G. Samoggia 2, Banti 10, Leonzio 14, M. Samoggia 12, Magrini 16. All. Steffè

Piacenza torna dalla trasferta milanese con altri due punti in classifica e mantiene la vetta, iniziando nel migliore dei modi la serie di tre partite nell’arco di una settimana.

L’Urania si presentava alla sfida con il roster decimato: agli infortuni di Ghiacci e Tortù si sono infatti aggiunge le assenze di Paleari e Ferrarese. Troppo per la squadra di coach Montefusco, comunque brava a resistere fino al 30′. Dal canto suo la Bakery può ormai contare su tutti gli effettivi, con il solo capitan Soragna in attesa della miglior condizione per rientrare in campo. L’avvio sorride ai milanesi che, con un 12-6, costringono immediatamente coach Steffè al timeout per scuotere i suoi.

La Bakery affonta meglio la difesa a zona dei locali, passandosi in maniera più efficace la palla. Il timeout quindi dà il risultato sperato: Piacenza risponde alla gran folata realizzativa di Bartoli (11 punti nel primo quarto), ed ecco che i biancorossi riescono a chiudere la prima frazione in vantaggio per 18-26. Il secondo quarto non si discosta dal percorso già tracciato dai primi dieci minuti.

La Bakery tocca anche il +15, massimo vantaggio, e chiude all’intervallo sul 31-43. Sembrerebbe il preludio di un secondo tempo in discesa, ma la realtà non potrebbe essere più diversa: Gorla si carica la squadra sulle spalle e dà una poderosa spallata alla partita.

Milano ricuce così il divario in un batter d’occhio, e se al 30′ il divario è di 4 lunghezze non si può non ricordare come i meneghini siano stati ad un solo possesso di distanza. È in quel momento che arriva la reazione d’orgoglio dei piacentini, bravi a respingere le ambizioni dei padroni di casa ed a seppellirle sotto i 20 punti di distacco alla sirena finale.

Finisce quindi 65-85, risultato che per la Pallacanestro Piacentina significa quinta vittoria in fila. Tutti a segno i 9 giocatori entrati sul parquet, ben 6 in doppia cifra.

Il prossimo impegno sarà quello di giovedì 8 dicembre alle ore 18 presso il Palasport di Largo Anguissola: avversario il Basket Iseo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.